Secondo i dati ufficiali diffusi dal governo cinese i decessi causati dal nuovo coronavirus sarebbero saliti a 170, mentre i casi di contagio a 1.700 solo nella giornata di ieri, tuttavia stando ad un video pubblicato in rete dal famoso gruppo di hacker Anonymous la Cina starebbe nascondendo la verità.

Anonymous
Anonymous (screenshot)

Secondo i dati ufficiali diffusi dal governo cinese i decessi causati dal nuovo coronavirus sarebbero saliti a 170 nelle ultime 24 ore, mentre i casi di contagio a 1.700 solo nella giornata di ieri. In un quadro già drammatico sull’epidemia che sta facendo sprofondare il mondo intero nel terrore, si è inserita la denuncia di Anonymous. Il noto gruppo di hacker mondiali ha immesso in rete un video dai contenuti inquietanti, relativi ad alcuni retroscena sul nuovo coronavirus e sul governo cinese.

Coronavirus, la denuncia di Anonymous: “Il governo cinese ha messo in pericolo la vita di milioni di persone”

Il noto gruppo di hacker mondiali Anonymous si è reso protagonista di un coupe de theatre in ordine al contagio da nuovo coronavirus. Tramite un video in rete avrebbe svelato agghiaccianti verità relative all’epidemia ed al governo cinese il quale grazie al suo muro di censura è stato in grado di controllare le notizie relative alla pandemia. Il noto gruppo di hacker, stando a quanto riporta Il Secolo , avrebbe affermato: “Il governo cinese ha messo in pericolo la vita di milioni di persone e potrebbe aver già innescato una pandemia mortale nel mondo. Non è un segreto che il governo cinese controlli attivamente il flusso di informazioni all’interno e all’esterno dei suoi confini”. La denuncia di Anonymous prosegue e punta il dito contro il governo: “La Cina è diventata anche molto più ricca e influente nel corso degli anni, il che ha permesso loro di controllare la segnalazione di eventi nel Paese e nel resto del mondo, come abbiamo riportato sulle recenti proteste a Hong Kong”. Quanto alla censura, Il gruppo di hacker avrebbe affermato che è stato proprio questo il mezzo che ha rallentato la possibilità di fronteggiare efficacemente il virus: “lo stesso apparato di censura in Cina sta lavorando per sopprimere le informazioni sulla diffusione del coronavirus mortale e sulle condizioni che possono essere osservate nelle aree di quarantena. Decine di milioni di persone nel Paese, forse anche di più, sono state messe in quarantena e – riporta Il Secolo traducendo le parole contenute nel video- hanno ordinato di non lasciare la regione per paura della diffusione dell’epidemia. Tuttavia, è evidente che il governo ha aspettato troppo a lungo prima di prendere misure serie per contenere il virus”.

Ma allora perché non consentire l’informazione? Per Anonymous le ragioni sarebbero molteplici: “Forse potrebbe essere per prevenire il panico o evitare sanzioni o quarantene imposte a livello internazionale, ma alcuni ricercatori hanno sollevato domande sulla causa della malattia e hanno suggerito che potrebbe provenire da un bio-laboratorio nelle vicinanze. Negli ultimi anni è stato aperto un nuovo laboratorio biologico a Wuhan, in cui sono stati studiati i patogeni più pericolosi al mondo. Dal 2018 – prosegue il gruppo di hacker stando a quanto riporta Il Secoloil laboratorio ha funzionato ufficialmente con vari ceppi del coronavirus e con altre malattie mortali come l’Ebola. Questo laboratorio dista solo 20 miglia dal mercato del pesce di Huanan, che si ritiene sia il primo caso del virus corona”. Il gruppo Anonymous fa riferimento a quel laboratorio di cui giorni addietro parlarono un ex appartenente al Mossad sul Washington Times e Paolo Liguori a Tgcom24.Dall’apertura del laboratorio, gli scienziati di tutto il mondo hanno sollevato preoccupazioni sui potenziali pericoli. Nel 2017, è stato persino pubblicato un articolo sulla rivista scientifica Nature che descriveva i piani per il laboratorio. Scambiava, inoltre, opinioni di esperti su come agenti patogeni pericolosi potessero sfuggire alla struttura. In effetti, il virus SARS è fuggito più volte da strutture di sicurezza di alto livello a Pechino. Stranamente, solo tre mesi fa, la simulazione di una pandemia ha mostrato che un focolaio potrebbe provocare 65 milioni di morti. La simulazione è stata effettuata presso il Johns Hopkins Center for Health Security. Con la partecipazione del World Economic Forum e della Bill and Melinda Gates Foundation. È troppo presto per dire esattamente cosa sta succedendo a questo punto. Ma Anonymous ha ricevuto suggerimenti da tutta la Cina sulla gravità dell’epidemia e sul grande insabbiamento che sta avvenendo dietro le quinte. Per diffondere queste importanti notizie nel mondo, dobbiamo fare abbastanza rumore – conclude Anonymous- per superare la grande censura cinese”.

Leggi anche —> Virus cinese, Intelligenza Artificiale aveva previsto l’epidemia

Coronavirus Cina
(Getty Images)