Valentino Rossi al momento è fuori dal team ufficiale, ma potrebbe rientrarvi grazie ad un escamotage utilizzato in passato dalla Honda.

Le tre Honda (Getty Images)
Le tre Honda (Getty Images)

Le notizie arrivate negli ultimi due giorni hanno lasciato un po’ tutti di sasso. La Yamaha, infatti, ha anticipato tutti mettendo sotto contratto per altre due stagioni nel team ufficiale sia Fabio Quartararo che Maverick Vinales. Un vero e proprio colpaccio per il team di Iwata che rischiava seriamente di perdere almeno uno dei suoi gioielli.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Questa decisione però ha messo inevitabilmente in fuorigioco Valentino Rossi, che a questo punto si ritrova per forza di cose fuori dalla squadra di fabbrica. Come sappiamo da tempo, il Dottore ha deciso di “testarsi” in pista in questo primo scorcio di campionato per capire se è il caso o meno di proseguire la propria carriera.

Leggi anche —> Yamaha scarica Valentino Rossi dal team ufficiale. Ma non lo fa fuori

Rossi lascia o raddoppia?

A questo punto, con i due posti nel team ufficiale già occupati, si potrebbe aprire per lui il clamoroso scenario di vederlo nel 2021 nel team Petronas con un trattamento da ufficiale però. A venirgli in soccorso però potrebbe esserci un fatto accaduto in passato, precisamente nel 2011.

In quella stagione, infatti, la Honda mise sotto contratto Stoner, ma avendo tra le mani ancora i contratti di Pedrosa e Dovizioso, decise di schierare per quell’annata ben 3 moto ufficiali. La Yamaha, come sappiamo, è pesantemente sponsorizzata dalla Monster, uno di quegli sponsor portati da Valentino Rossi.

Il Dottore nonostante l’età e le vittorie che latitano risulta essere ancora oggi uno degli uomini più potenti della MotoGP. A livello di marketing è il numero uno assoluto, nessuno vende come lui e la sua immagine è ancora oggi rincorsa dai brand di mezzo mondo. Quindi non è detto che alla fine il team di Iwata non posso decidere di fare come i cugini della Honda e schierare nella prossima stagione tre moto, così da tenere Valentino ancora nel team ufficiale qualora decidesse di continuare.

Leggi anche —> Valentino Rossi come Buffon: non c’è niente di male a fare la “riserva”

Antonio Russo

Stoner, Pedrosa e Dovizioso (Getty Images)
Stoner, Pedrosa e Dovizioso (Getty Images)