MotoGP, Valentino Rossi e il rapporto con Yamaha: parla Uccio

0
5222

Alessio “Uccio” Salucci, storico amico di Valentino Rossi, ha commentato l’addio del Dottore al team ufficiale Yamaha dal 2021. Ma potrà comunque restare nella squadra satellite Petronas.

Alessio Uccio Salucci Valentino Rossi
Valentino Rossi e Alessio “Uccio” Sulucci (Getty Images)

Valentino Rossi nel biennio 2021-2022 sicuramente non correrà con il team ufficiale Yamaha, che ha già annunciato la coppia Vinales-Quartararo. Tuttavia, la casa di Iwata ha lasciato aperta al Dottore la porta per continuare a correre.

Infatti, è stato già comunicato che potrà avere una M1 ufficiale nel team satellite Petronas. Pur cambiando squadra, il nove volte campione del mondo avrebbe comunque un trattamento importante per poter essere competitivo. Lui deve ancora scegliere se correre nel 2021, deciderà solamente nei prossimi mesi dopo aver testato in gara il proprio livello di velocità.

Leggi anche —> Valentino Rossi come Buffon: non c’è niente di male a fare la “riserva”

MotoGP, Uccio parla della situazione di Valentino Rossi

Oggi c’è stata la presentazione del team Sky Racing Team VR46 ed è stata l’occasione per ascoltare le parole di Alessio “Uccio” Salucci, storico amico di Valentino Rossi. Ai microfoni di Sky Sport MotoGP ha così parlato di quanto successo: «È un mese che lavoriamo con Yamaha e Lin Jarvis. Abbiamo preso la decisione insieme, di comune accordo. Se Vale l’anno prossimo continuerà a correre, ci sarà comunque una situazione fantastica come il team Petronas e con una moto ufficiale».

Il Dottore e la casa di Iwata continuano ad avere ottime relazioni. Uccio conferma che non c’è alcuna frizione tra le parti: «C’è un grandissimo rapporto con Yamaha, c’è sempre stata molta trasparenza da entrambe le parti. È stato bello incontrarsi e ragionare insieme, partorendo questa decisione che comunque rende Vale più tranquillo. Può vedere dai primi test e dalle prime gare il suo valore, decidendo poi se continuare in una realtà importante come il team Petronas oppure se ritirarsi».

Se Yamaha non avesse avuto la pressione di squadre che volevano Maverick Vinales e Fabio Quartararo, probabilmente ci sarebbe stato il rinnovo di Rossi. Uccio risponde: «Assolutamente. È una questione di mercato. Noi avevamo chiesto di aspettare un po’, ma capiamo che oggi si inizia sempre prima a lavorare per il futuro. Yamaha avrebbe fatto fatica ad aspettarci. Di comune accordo abbiamo partorito questa nuova decisione, che magari si può concretizzare l’anno prossimo con un l’avventura nel team Petronas. L’anno scorso Quartararo e Morbidelli hanno fatto una stagione fantastica lì».

Leggi anche —> Yamaha scarica Valentino Rossi dal team ufficiale. Ma non lo fa fuori

Valentino Rossi in sella alla sua Yamaha (Foto Yamaha)
Valentino Rossi in sella alla sua Yamaha (Foto Yamaha)