Toprak Razgatlioglu è felice delle sensazioni che ha provato nei test Superbike in sella alla Yamaha R1. In vista di Phillip Island si sente pronto.

Toprak Razgatlioglu Superbike
Toprak Razgatlioglu (foto WorldSBK)

Toprak Razgatlioglu è stato il pilota più veloce nel test Superbike di Portimao. Il talento turco sta prendendo sempre più confidenza con la Yamaha R1 e vuole candidarsi alla vittoria già dal round inaugurale di Phillip Island.

Prima di iniziare ufficialmente il campionato 2020, ci sarà un ultimo test proprio in Australia per sistemare gli ultimi dettagli. Quest’anno il team Pata WorldSBK ha voglia di giocarsi il titolo, facendo un salto di qualità rispetto alle scorse stagioni. L’ingaggio del pupillo di Kenan Sofuoglu ha questo scopo.

Superbike 2020, Razgatlioglu felice dopo il test di Portimao

Razgatlioglu è soddisfatto del lavoro svolto nei due giorni in Portogallo. Questi suoi commenti al termine del test: «Mi sono adattato molto meglio alla moto. Ho provato la nuova gomma Q e abbiamo effettuato dei progressi. Ho fatto un 1’40″8, che è un buon tempo sul giro. Per me è incredibile, perché ho provato per due anni a ottenere un buon setup con la gomma Q e non funzionava».

Oltre ad aver fatto passi avanti con le gomme da qualifica, Toprak ha lavorato soprattutto sul ritmo cercando di essere costante il più possibile e di migliorare il feeling con la Yamaha R1: «Ora mi sento molto meglio. Sono davvero contento delle prestazioni delle gomme da gara, perché sono venuto qui per la prima volta sulla Yamaha e ora ho un feeling incredibile. Siamo pronti. Siamo felici».

Razgatlioglu a Jerez aveva avuto modo di guidare sul bagnato e sente che il feeling con la Yamaha è migliore di quello che aveva sulla Kawasaki: «In condizioni di pioggia su questa moto, mi sento molto meglio. Il grip posteriore per me è importante, perché prima sulla Kawasaki il posteriore era sempre scivoloso. La cosa principale è che ora siamo pronti per Phillip Island!».


Leggi anche – > Superbike, Alvaro Bautista: “Adesso lavoriamo sul telaio”