Il figlio di Lauda: “Vi svelo a chi andranno le nostre quote del team di F1”

0
741

F1 | Il figlio di Niki Lauda, Mathias, ha spiegato dove sono finite le quote azionarie della scuderia di F1 Mercedes che erano di proprietà del padre.

Niki Lauda (Getty Images)
Niki Lauda (Getty Images)

Niki Lauda ci ha lasciato a maggio dello scorso anno e non c’è attimo che non venga ricordato da tutto il paddock della F1. Il pilota austriaco nella sua stellare carriera ha vinto ben 3 titoli iridati e portato a casa: 25 vittorie, 54 podi e 24 pole. Leggendario per lui il 1976 quando il terribile incidente in Germania riuscì a tornare in pista miracolosamente prima della fine della stagione perdendo il titolo per un solo punto a causa di un ritiro nell’ultima gara dovuto alla paura di correre sotto la pioggia.

Come riportato da La Gazzetta dello Sport, il figlio Mathias ha così dichiarato: “Quando mi sveglio la mattina faccio ancora fatica a pensare che non c’è più. Mi manca moltissimo. Sono passati già otto mesi ed è cominciato un nuovo capitolo della mia vita. Il motorsport per lui è stato tutto. Ha cominciato giovanissimo e ha vinto 3 Mondiali. Poi è stato l’unico capace di fermarsi dopo un terribile incidente e ritornare alle corse vincendo un altro Mondiale”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

L’amore di Mathias per le gare americane

L’austriaco ha poi proseguito: “Mio padre è stato anche un imprenditore di successo tornando in F1 con un ruolo diverso ha vinto molti titoli con la Mercedes. Le nostre azioni ritorneranno a Stoccarda, alla stessa Mercedes nel 2020. Era già tutto previsto da un contratto scritto un paio di anni fa”.

Infine Mathias ha così concluso: “La 24 Ore di Daytona è una delle mie preferite. In America il clima è più rilassato, specie dentro al paddock dove spesso tra i piloti c’è un rapporto di amicizia. Poi è bello anche il clima che si viene a creare con i tifosi. Questo tipo di rapporto dovrebbe essere preso ad esempio da tutti gli altri campionati”.

Antonio Russo

Logo Mercedes (Getty Images)
Logo Mercedes (Getty Images)