I carabinieri hanno fermato un ragazzo di 28 anni accusato dell’omicidio di Francesca Fantoni, la donna scomparsa da due giorni ritrovata ieri senza vita in un parchetto a Bedizzole (Brescia).

Francesca Fantoni
Francesca Fantoni (foto dal web)

Nella giornata di ieri, lunedì 27 gennaio, una donna di 39 anni è stata ritrovata senza vita nel parchetto vicino alla piazza di Bedizzole, paese in provincia di Brescia. Il cadavere appartiene a Francesca Fantoni, 39enne affetta da un ritardo cognitivo di cui si erano perse le tracce da sabato scorso. Identificato il corpo, i carabinieri hanno avviato immediatamente le indagini e sin dalle prime ore non vi sono stati dubbi per gli inquirenti che si trattasse di un omicidio violento. Nella notte, dopo vari accertamenti, i militari dell’Arma hanno disposto un fermo per un ragazzo di 28 anni che è stato trasferito in carcere a Brescia accusato dell’omicidio della donna.

Leggi anche —> Iran, altro aereo coinvolto in un incidente: aperta un’inchiesta – FOTO

Donna scomparsa ritrovata senza vita in un parchetto: fermato dai carabinieri un amico 28enne

Sarebbe stata ammazzata di botte, colpita ripetutamente al volto e poi abbandonata in un parco dietro alcuni alberi. Questo sarebbe stato il tragico destino di Francesca Fantoni, la donne 39enne ritrovata nella mattinata di ieri senza vita nel parchetto vicino alla piazza di Bedizzole, comune in provincia di Brescia. Francesca, che era affetta da un disturbo cognitivo, era scomparsa da Bedizzole, sabato scorso. Dopo i primi accertamenti, gli inquirenti, secondo quanto riportato dalla stampa locale e dalla redazione del quotidiano Repubblica, non avevano dubbi sul fatto che si fosse trattato di un omicidio, come dichiarato dal pubblico ministero di Brescia Marzia Aliatis che aveva aggiunto che vi fossero, però, molti aspetti da chiarire. Nella notte, i carabinieri hanno disposto il fermo, a seguito dell’interrogatorio, di un amico della vittima di 28 anni. Il ragazzo di Bedizzole adesso è accusato dell’omicidio della donna ed è stato trasferito presso il carcere di Brescia in attesa dell’interrogatorio di garanzia. Il movente, riporta Repubblica, sembrerebbe essere di natura sessuale, ma la procura resta cauta.

Leggi anche —> Iran, altro aereo coinvolto in un incidente: aperta un’inchiesta – FOTO

Caseificio sequestrato
Carabinieri (foto dal web)