mazda concept
(Image by Motor1)

I ragazzi di Savage Geese hanno avuto la fortuna di guidare il concept della Mazda MX-5 Miata M Coupé fuori dagli archivi del marchio a Irvine, in California, e filmare l’esperienza di portare quest’auto unica su strada. Il tempo non è stato troppo gentile con la macchina, eppure, è comunque un piacere vedere questo esemplare unico in circolazione per strada.

In un’intervista con il designer Tom Matano, quest’ultimo ha detto che l’idea alla base della M Coupé era di dimostrare che la Miata non doveva necessariamente essere una roadster. Il nuovo tetto fisso in fibra di vetro presentava un sottile elemento a doppia bolla e un ampio vetro posteriore. Matano ha anche prestato particolare attenzione ad alzare i parafanghi posteriori per meglio adattarsi alle nuove proporzioni. Lo scarico Remus è l’unico cambio di propulsione.

All’interno, la perdita del tetto pieghevole dona più spazio, e il design di Matano vi aggiunge un ripiano portapacchi. Ci sono anche modifiche di assetto come sedili unici con il logo M sui poggiatesta, pannelli delle portiere in pelle scamosciata, pedali e cambio Momo.

La Miata M Coupé è stata un esemplare unico che ha debuttato al New York Auto Show del 1996.

Il team aveva solo quattro settimane per metterla insieme, secondo Matano. Con questo in mente, è comprensibile perché i padroni di casa dei Savage Geese abbiano lamentato l’assetto delle sospensioni e i pezzi in fibra di vetro che aggiungono peso rispetto alla roadster, il che sembra avere un effetto negativo sulle prestazioni. Con il giusto tempo di progettazione, una versione di produzione della coupé avrebbe potuto essere migliore.