Arrestate due maestre di Vittoria per maltrattamenti

Sono state arrestate due maestre di Vittoria (RG) per maltrattamenti sui bimbi dei quali erano le maestre della scuola materna.

Arrestate due maestre di Vittoria per maltrattamenti
Asilo (foto Rainews)
A Vittoria (RG) due maestre rispettivamente di 54 e 59 anni sono state arrestate per maltrattamenti ai danni dei propri alunni di una scuola materna.
Per le donne non c’è però il carcere ma gli arresti domiciliari, misura cautelare che è stata disposta dal Gip di Ragusa ed eseguita dalla Squadra mobile e dal commissariato locale a richiesta della Procura della Repubblica.

Le maestre umiliavano e colpivano i bambini

Le indagini sono partite a seguito di una segnalazione. La Polizia di Stato, infatti, ha registrato sin da subito le violenze sia fisiche sia verbali ai danni dei bambini.
Ogni giorno e senza alcun motivo le maestre umiliavano, insultavano, spintonavano, strattonavano e percuotevano i bambini indifesi.
In uno dei filmati si vede una delle maestre rimproverare aspramente un bambino, strattonarlo e colpirlo al viso più volte con schiaffi. Mentre ciò accade gli altri bambini sono seduti e guardano l’aggressione.
Ovviamente, le piccole vittime non reagivano alle vessazioni data l’eta e l’impossibilità di difendersi e di riferire i fatti.
I maltrattamenti sono stati videoregistrati nell’ambito dell’indagine sono gli elementi che stanno alla base della misura cautelare degli arresti domiciliari a carico delle indagate richiesta e accolta.
La Questura di Ragusa ha dichiarato che l’indagine: “testimonia l’impegno e l’attenzione nei confronti dei più deboli, in particolare dei bambini, spesso vittime silenti di ignobili crimini commessi da adulti, che rischiano di segnare irrimediabilmente lo sviluppo psicofisico di quelli che saranno gli adulti del domani”.

Intanto, il testo di legge sulla videosorveglianza in case di riposo e asili è ancora lettera morta

Ad oggi, infatti, non è stata ancora approvata una legge sulla videosorveglianza nei luoghi di cura dei più deboli e di quanti non possono o non sanno riferire le violenze subite e l’iter di autorizzazioni necessarie per installare i sistemi di videosorveglianza nelle strutture pubbliche è tutt’affatto che rapido e semplice.
Inoltre, attualmente non vi è un obbligo per questi tipi di strutture bensì soltanto una libera facoltà di installare le telecamere.
Arrestate due maestre di Vittoria per maltrattamenti
Pastelli (foto Pixabay)