SBK, Scott Redding: “Non mi frega un c*** della Honda”

0
994

Scott Redding 2° nel test Superbike di Portimao. E non manca una risposta pepata in merito agli avversari della Honda.

Scott Redding
Scott Redding (photo Twitter)

Scott Redding chiude il test di Portimao al secondo posto e torna a casa con buone sensazioni in sella alla sua Ducati Panigale con cui aveva iniziato al comando la prima giornata in terra portoghese. Il britannico accusa un gap minimo di 79 millesimi dal best lap della Yamaha di Toprak Razgatlioglu e si dice pronto per l’inizio di stagione.

Il campionato del mondo di SUperbike andrà in scena dal 28 febbraio al 1° marzo, ma la prima tappa sarà preceduta dagli ultimi due giorni di test prestagionali. Per il momento di gode il buon feeling con la Rossa di Borgo Panigale. “È stata una buona giornata” ha commentato Scott Redding come riportato da Speedweek.com. “Ma sono stato sfortunato. Sono uscito in pista quattro volte con gomme nuove e c’erano bandiere rosse o sono stato fermato da piloti 600cc. Così non prendi alcun ritmo ed ero ancora stanco da domenica. Sono stato in grado di rilassarmi un po’ durante la pausa pranzo e dopo mi sono sentito meglio. Inoltre non dobbiamo dimenticare che Portimao non è la pista migliore per la Ducati. Basta guardare i tempi per capire che è un circuito su misura per la Yamaha”.

Leggi anche -> Superbike, test Portimao: tempi e classifica Day-2. Brilla Razgatlioglu

REDDING AL VETRIOLO

Scott Redding ha guidato oltre 0,7 secondi più veloce del suo compagno di squadra Chaz Davies e si avvia a guadagnare il primato all’interno del box Aruba.it Racing Ducati. “Ora siamo a un buon livello con il nostro pacchetto e siamo pronti per l’Australia”, ha aggiunto il campione BSB. “Non si conosce esattamente chi utilizza quali pneumatici e quando, è difficile valutare le prestazioni reali. Ciò può distruggerti mentalmente: pensi di essere lontano dal ritmo, ma in realtà non lo sei. Ecco perché mi concentro sui miei compiti e non mi preoccupo di ciò che fanno gli altri”.

Ma come si possono commentare le prestazioni sottotono della Honda, in particolar modo di Alvaro Bautista? “Perché continui a chiedermelo, non me ne frega un cazzo della Honda”, ha concluso Scott Redding. “Ciò che la Honda fa è irrilevante per me. Penso che la moto sia un razzo, è molto veloce. Sembra buonoa, suona bene ed è veloce sul rettilineo”.

Scott Redding (Getty Images)
Scott Redding (Getty Images)