Alla 24 Ore di Daytona vince il telaio italiano Dallara nella classe Dpi, mentre in classe Gtd è doppietta Lamborghini. Ferrari fuori dal podio

La Lamborghini Huracán GT3 Evo di Andrea Caldarelli vincitrice della 24 Ore di Daytona 2020 (Foto Lamborghini)
La Lamborghini Huracán GT3 Evo di Andrea Caldarelli vincitrice della 24 Ore di Daytona 2020 (Foto Lamborghini)

I colori italiani escono vincitori dalla 24 Ore di Daytona, la più famosa gara di durata americana andata in scena questo weekend e valida come tappa inaugurale del campionato Imsa. Se nella classe dei prototipi Dpi, i più veloci in assoluto, il successo è andato per la quarta edizione consecutiva ad un telaio Dallara (quello della Cadillac guidata dall’ex pilota di Formula 1 Kamui Kobayashi), nella classe Gtd, invece, a prevalere per il terzo anno di fila è stata la Lamborghini.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Il marchio di Sant’Agata Bolognese ha consolidato il suo primato di successi nella storia della categoria, conquistando addirittura una doppietta: vincitore il nuovo arrivato Andrea Caldarelli, secondo Marco Mapelli. “Nel 2019 avevamo già scritto la storia vincendo per la seconda volta consecutiva una gara leggendaria, alla quale partecipano tutti i marchi automobilistici più prestigiosi”, gongola il presidente Stefano Domenicali. “Il trionfo di quest’anno è la dimostrazione di come in Lamborghini non ci si fermi mai, lavorando incessantemente per raggiungere sempre nuovi e più alti traguardi. I miei complimenti ai team e ai nostri piloti, che hanno fatto un lavoro straordinario”.

Ferrari frenata alla 24 Ore di Daytona

Sconfitta invece la Ferrari, sia in classe Gtd che in classe Gtlm, ove la vittoria è andata alla Bmw di Jesse Krohn. A condizionare in negativo le prestazioni del Cavallino rampante sono state le zavorre del cosiddetto “balance of performance”, previsto dal regolamento per equilibrare le prestazioni tecniche delle varie vetture. “Non ho mai visto un BoP così negativo per noi”, ha lamentato il pilota ufficiale di Maranello Davide Rigon, “facevamo fatica a superare le vetture di classe Gtd in velocità”.

L'equipaggio della Lamborghini vincitore in classe Gtd della 24 Ore di Daytona 2020 (Foto Lamborghini)
L’equipaggio della Lamborghini vincitore in classe Gtd della 24 Ore di Daytona 2020 (Foto Lamborghini)