Stoner vince la sua battaglia, quasi 26 mila dollari raccolti

MotoGP | Casey Stoner ha vinto la sua battaglia personale per raccogliere soldi in favore dell’Australia. Sono quasi 26mila i dollari raccolti.

Casey Stoner (Getty Images)
Casey Stoner (Getty Images)

Casey Stoner è uno dei piloti più amati della MotoGP e nonostante si sia ritirato ormai da tempo l’affetto dei tifosi nei suoi confronti è rimasto immutato. Nel 2019 purtroppo, allontanatosi definitivamente dalla Ducati e dal suo ruolo di tester ha patito alcuni pesanti problemi fisici. Durante una recente intervista, infatti, l’australiano si è sfogato raccontando il dramma della sua stanchezza cronica.

Stoner però in questi giorni ha dovuto vivere un altro dramma, questa volta legato alla sua terra natale. L’Australia, infatti, come è noto è stata recentemente devastata dagli incendi che hanno ucciso anche tanti animali presenti lì. Proprio per questo Casey, da buon figlio di questa terra ha deciso di fare qualcosa.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Venduta la tuta di Stoner

L’ex Ducati, infatti, ha messo in vendita una sua vecchia tuta degli anni a Borgo Panigale, quando vinse ad Aragon nel 2010 per raccogliere fondi in favore di alcune iniziative benefiche promosse per la sua Australia.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Thanks to the new owner, everyone who made a bid and those who assisted with the auctioning of my Aragon racing suit to raise money for the Australian Bushfire Relief.

Un post condiviso da Casey Stoner (@official_cs27) in data:

Il rider australiano alla fine ha raccolta dalla vendita della tuta ben 25700 dollari, ha così deciso di postare su Instagram un video in cui è accompagnato proprio dalla tuta appena venduta e poi ha scritto: “Grazie al nuovo proprietario e a tutti coloro che hanno fatto offerte e a quelli che hanno contribuito all’asta della mia tuta della gara di Aragon per raccogliere fondi per l’Australian Bushfire Relief“.

Antonio Russo

Stoner e Dall'Igna (Getty Images)
Stoner e Dall’Igna (Getty Images)