Raikkonen glaciale: “Il record di presenze? Non mi dà nulla”

Nel 2020 Kimi Raikkonen diventerà il pilota più longevo della storia della F1. La reazione del finlandese davanti a questo record è in suo stile.

Kimi Raikkonen (Foto Alfa Romeo)
Kimi Raikkonen (Foto Alfa Romeo)

L’Uomo di Ghiaccio si appresta ad affrontare la sua 18esima stagione nel Circus e quindi a superare in agilità le 323 gare di Rubens Barrichello, per anni leader indiscusso di questa speciale classifica, pane per i denti degli amanti delle statistiche.

Interrogato da Formula1.com sul traguardo di cui sopra, Raikkonen ha fatto spallucce e come spesso ha ripetuto a precisa questione, ha ribadito di non esserne per nulla interessato. “Non è una cosa che mi eccita particolarmente“, ha affermato. “Non mi dà nulla. Tuttavia sono contento di poter essere ancora una volta al via di un campionato del mondo. Come team possiamo migliorare rispetto al 2019 e imparare la lezione dagli errori che abbiamo commesso, così come da quanto fatto fatto di buono così da avvicinarci un po’ di più alle posizioni di vertice. In ogni caso solo il tempo ci dirà se ce la faremo. Per adesso è troppo presto. Sono quando si partirà per il primo gran premio potremo farci un’idea realistico”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Parlando delle sensazioni provate nel corso del campionato passato all’interno di una squadra più piccola e meno esigente della Ferrari, Kimi ha continuato: “Non credo ci siano state diversità in termini di pressione. L’obiettivo costante è fare bene, quindi è un peccato aver avuto delle debacle. Chi guida, poi si mette sempre pressione addosso, ma il lavoro resta lo stesso“.

Qualcosa di benefico l’essere passato da Maranello a Hinwil, ovvero sotto casa, l’ha comunque portato. “Sono certamente meno impegnato e non devo viaggiare per andare in fabbrica. E’ senz’altro un aiuto che mi consente di stare più vicino alla mia famiglia“, ha infine sottolineato.

La nuova Alfa Romeo sarà presentata nella pit lane del Montmelo il primo giorno di test invernali il 19 febbraio.

Robin Raikkonen e Minttu Virtanen Raikkonen(©Getty Images)

Chiara Rainis