Virus cinese, l’esperto: “L’Italia è una bomba a orologeria”

0
17108
virus cinese pericoloso contagioi cura prevenzione vaccino
tuttomotoriweb

Secondo Walter Ricciardi, presidente della World Federation of Public Health Association, l’Italia è una bomba che può esplodere sul tema del contagio

La situazione del virus cinese sta facendo preoccupare sempre di più anche l’Italia. In tal senso si è espresso con preoccupazione un esperto della materia al Messaggero: “L’Italia è una bomba microbiologica a orologeria». Per Walter Ricciardi, presidente della World Federation of Public Health Association (Wfpha), i rischi che si paventano con la diffusione del coronavirus sono «piccole avvisaglie». Il vero problema è che «purtroppo, la mancanza di conoscenze scientifiche e di fiducia nei confronti della scienza e quindi dei vaccini sta determinando una grande vulnerabilità e il nostro Paese in questo contesto è uno dei più deboli».

L’Italia è una bomba pericolosa ma si attende il vaccino

Ma intanto fa ben sperare che Anthony Fauci, direttore del National Institute of allergy and infectious diseases e Catharine Paules, professore di malattie infettive presso la Penn State University sostengano che un vaccino per coronavirus 2019nCoV potrebbe essere pronto entro tre mesi. Come è stato possibile?
«Per preparare un vaccino servono molti anni. Ma, in questo caso, gli scienziati ci stanno lavorando dal 2003. Grazie agli studi sulla Sars, un altro coronavirus, ora hanno bisogno di meno tempo, devono solo adattare le loro ricerche alle caratteristiche specifiche di questo nuovo virus. Accelerando tutti quanti i processi, possono raggiungere un risultato concreto».

Come si arriva a produrre un vaccino?
«Occorre studiare il virus. Dopodiché o lo si inattiva e quindi il virus viene ucciso, oppure lo si attenua, si toglie cioè la sua capacità patogena. Occorrono poi test clinici in vitro o in vivo su animale e poi su uomo; gli studi poi vanno valutati, infine c’è la parte regolatoria».

Ritiene che siamo ormai sempre più vulnerabili?
«Tutte le malattie infettive dovrebbero essere possibilmente contrastate con i vaccini, perché in questo modo si evita l’insorgenza di patologie. Ma sono scelte che devono essere fatte dai governi e dalle istituzioni internazionali, che mettono risorse, nonché dalle industrie che poi mettono la capacità per produrli. Un nuovo vaccino può arrivare a costare 2 miliardi di euro. Ma quando la malattia può coinvolgere milioni di persone, come in questo caso, diventa una priorità. I vaccini hanno salvato milioni di vite e soltanto con i vaccini potremo evitare la pandemia.

Malattia cronica renale
 tuttomotoriweb

Leggi anche > Coronavirus, casi sospetti in Italia

Leggi anche > Coronavirus, scongiurati i serpenti…