Forte terremoto in Turchia, si temono vittime. Ingenti danni

terremoto francia
(foto dal web)

Forte terremoto in Turchia. La scossa di magnitudo 6.8 ha provocato ingenti danni. Si temono vittime. L’epicentro è a Sivrice

Spaventosa scossa di terremoto di magnitudo 6.8 in Turchia. Il sisma, come conferma anche l’INGV, ha colpito oggi 24 gennaio la provincia turca di Elazig, nell’Anatolia orientale. Lo riferisce l’osservatorio sismologico di Kandilli a Istanbul. Il sisma è avvenuto a una profondità di 10 km. L’epicentro nella città di Sivrice, nella provincia di Elazig, ha provocato il crollo di diversi edifici e costretto gli abitanti a lasciare le loro abitazioni. È stato percepito anche in Siria, Libano e Iran. Il terremoto è avvenuto alle 20.55 di venerdì (le 18.55 in Italia) La protezione civile turca ha inviato squadre di soccorso sul campo. Non si hanno al momento notizie di morti ma i danni sarebbero ingenti e ci sarebbero vittime. Il sisma è stato avvertito anche a centinaia di chilometri di distanza, fino in Grecia. Solo due giorni fa, un’altra scossa di terremoto di magnitudo 5.6 ha colpito la parte occidentale della Turchia. L’epicentro fu a Gelembe.

Forte terremoto in Turchia, le cause e la mappa Europea

I terremoti possono essere immaginati come il risultato di attriti tra placche e le placche come porzioni di crosta terrestre non collegate le une alle altre e libere di muoversi secondo determinate direzioni. La placca euro-asiatica comprende gran parte del continente omonimo e dell’Asia e si muove rispetto alle aree adiacenti. Si riscontra inoltre un gran numero di microplacche fra Europa ed Africa. Queste ultime rendono particolarmente complesso il quadro geologico attorno al Mediterraneo e fino alla regione alpina. Le sei principali macroregioni in cui si può dividere il Mediterraneo sono: il settore balcanico che pressapoco va dall’Albania alla Grecia. Qui è responsabile la placca africana. Attualmente i due continenti vengono a contatto diretto nel sud della Grecia. Il secondo settore comprende la Turchia. La terza è costituita da una porzione di nord America affiorante sull’Islanda che causa regolarmente una moderata attività sismica. La quarta racchiude il nostro Paese, la Svizzera, la Francia, la Germania e la Slovenia. La quinta macroregione è costituita da Ungheria, Slovacchia ed Ucraina. A est delle Alpi si estende una regione caratterizzata da diverse piccole microplacche e catene montuose: la pianura pannonica (l’odierna Ungheria e paesi confinanti), i Carpazi a nord e a est (Slovacchia, Ucraina, Romania) e le Alpi Dinariche a sud. Il movimento di queste placche si è rallentato. La sesta ed ultima ingloba Spagna e Portogallo.

terremoto Albania
 FOTO screenshot

Leggi anche > Terremoto a Ravenna

Leggi anche > Terremoto in Calabria all’alba