Coronavirus | già 41 i morti ma gli esperti | “Ecco per non avere paura”

0
228

Il Coronavirus è partito dalla Cina e si è subito diffuso in altre parti del mondo. Ci sono fino ad oggi 41 vittime accertate, ma per gli esperti non occorre cedere ad isterismi di massa.

Coronavirus
La malattia Coronavirus fa paura con casi in tutto il mondo e diversi morti accertati FOTO tuttomotoriweb

Il Coronavirus sta facendo decisamente paura. Questa malattia delle vie respiratorie, che somiglia molto per caratteristiche alla SARS che imperversò a sua volta tra 2002 e 2003, ha già mietuto diverse vittime. Tra contagiati – più di 2mila persone ad oggi, soprattutto in Cina – e morti (all’incirca 41), la patologia ora rappresenta qualcosa da non sottovalutare. Si presume che sia partita dalla città cinese di Wuhan, una megalopoli che conta circa 11 milioni di abitanti. Quella ed altre località popolose sono state poste in quarantena adesso. Nessuno può entrarvi o uscirvi, il tutto mentre gli ospedali del posto sono saturi e cominciano a mancare le attrezzature per rilevare i possibili casi di Coronavirus.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus dalla Cina: due i nuovi casi sospetti in Italia

Coronavirus, gli esperti invitano alla calma: “No ad inutili allarmismi”

La malattia ha anche travalicato i confini nazionali per arrivare in Corea del Sud, Indonesia, Giappone, Stati Uniti, Francia, Inghilterra e Scozia. Qui è stata veicolata da passeggeri che dalle località della Cina interessate dalla presenza del virus, sono sbarcati via aereo nelle suddette zone. Diversi altri paesi hanno preso i dovuti provvedimenti, con controlli mirati negli aeroporti e tutte le altre precauzioni possibili. Gli esperti tuttavia spengono qualsiasi inutile allarmismo ed affermano che esistono diversi ceppi della malattia, molti dei quali in realtà sono equiparabili a dei banali raffreddori. E se anche il numero delle vittime direttamente riconducibile alla patologia (41 come detto) appare preoccupante, va detto che, in rapporto ai migliaia di casi fino ad oggi riscontrati, rappresenta comunque una cifra esigua.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, pericolo contagio: come riconoscere i sintomi