Suzuki Jimny non è più ordinabile in Italia. Una scelta coatta per l’azienda a causa della nuova normativa sulle emissioni di CO2.

Suzuki Jimny
Suzuki Jimny

Qualche giorno fa avevamo parlato del sold out raggiunto dalla Suzuki Jimny in Italia, con ordini sospesi fino alle fine del 2020. Ora emergono ulteriori dettagli che danno una spiegazione a quanto sta succedendo intorno al piccolo fuoristrada giapponese.

I vertici dell’azienda automobilistica nipponica hanno confermato alla stampa che gli esemplari destinati all’Europa saranno limitati. Quelli destinati all’Italia sono appena 2000, ma non tanto per il successo straripante della Suzuki Jimny, quanto per le elevate emissioni di CO2 stimate da 154 a 170 g/km.

Leggi anche -> Suzuki Jimny sold out: in Italia ordini bloccati nel 2020

La normative UE sulle emissioni

Il problema sono le nuove regole sulle emissioni di biossido di carbonio, che entrano in vigore nel 2020 e impongono ai costruttori 95 g/km calcolati sulla media di tutti i modelli effettivamente venduti durante l’anno. Chi supera il limite imposto dalla legge sarà costretto a pagare sanzioni molto salate: 95 euro per ogni grammo di CO2 oltre il limite, moltiplicato per il numero di auto vendute nei mercati europei nel 2020.

Questa norma ambientale ha quindi costretto i costruttori a rivedere le loro strategie di mercato e il caso Suzuki Jimny non sarà certo l’unico. Nei prossimi mesi vedremo altri modelli costretti ad essere bloccati per non consentire ulteriori vendite, in modo da rientrare nei limiti imposti. L’UE ha imposto ai costruttori di non superare emissioni di CO2 di 95 g/km sulla media del venduto, ma questo valore cambia in base al peso. Per cui, Case che hanno in gamma modelli grandi possono arrivare a superare anche i 100 g/km. Ad esempio Jaguar-Land Rover arriva addirittura a 130,6. Le aziende che hanno in gamma modelli più piccoli devono, invece, stare al di sotto. Ad esempio FCA si attesta a 91,8, PSA a 93. Suzuki, nel caso specifico, è la Casa con il limite più stringente: 90,3 g/km.

Da qui la scelta strategica ma coatta di ritirare dal mercato la Suzuki Jimny. Chi vorrà acquistarla dovrà attendere il 2021, ma la speranza è che adotti un’alimentazione ibrida così da poter tornare ad un numero maggiori di vendite.

Suzuki Jimny
Suzuki Jimny