Omicidio Luca Sacchi: ultimi messaggi con Anastasiya e la telefonata misteriosa della morte

Omicidio Luca Sacchi: pubblicati gli ultimi messaggi che la vittima scambiò con la fidanzata Anastasiya. Mistero sulla telefonata che lo portò alla morte.

omicidio Luca Sacchi
omicidio Luca Sacchi quanto dichiarato dalla fidanzata desta sospetti FOTO tuttomotoriweb

Giudizio immediato per i sei indagati nell’inchiesta dell’omicidio di Luca Sacchi. Si tratta di Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, Marcello De Propris e il padre Armando. A processo anche la fidanzata di Luca Zacchi, Anastasiya e l’amico Giovanni Princi.

Nel fascicolo con cui il pm Nadia Plastina ha ottenuto il giudizio immediato sono stati resi noti gli ultimi messaggi che Luca ha scambiato con Anastasiya mentre resta un mistero la telefonata che avrebbe portato Luca ad uscire la sera in cui trovò la morte.

Omicidio Luca Sacchi: i messaggi con Anastasiya e l’ultima telefonata che lo portò alla morte

La sera in cui Luca Sacchi morì, ricevette una misteriosa telefonata che lo convinse ad uscire nonostante un grave dolore alla schiena. Quella telefonata, come scrive Leggo, non compare nei tabulati telefonici e nelle conversazioni, preparate dalla difesa di Sacchi per le televisioni. Eppure, proprio quella telefonata, potrebbe fornire la motivazione che portò Luca ad uscire quella sera per poi trovare l’amore poche ore dopo.

Nel frattempo, dai messaggi che Luca e Anastasiya si scambiavano, viene fuori un rapporto abbastanza conflittuale tra i due. La relazione sarebbe entrata in crisi dopo le vacanze quando il rapporto tra Anastasiya e Princi diventò più stretto. «Stai con uno dei tuoi amanti?», chiedeva lui. «Basta, da ora in avanti faccio quello che voglio», rispondeva lei.

«Quindi tu starai sempre dalla parte di tua madre e mai dalla mia, giusto? Se ti dice: scegli o me o lei, tu dirai mammina, vero?», scriveva ancora la baby-sitter. «Non mi rompere, mi hai stufato. Non perché voglio che tu lo sappia, ma d’ora in avanti, te l’avevo già detto, faccio quello che voglio e non una relazione di costrizioni», è il testo del messaggio risalente allo scorso 13 settembre.

«Non mi sono fidato troppo perché eri un po’ fatta e avevo paura di qualsiasi cosa», a cui lei rispondeva con “Vaffanculo”. Luca, poi, aggiungeva: “Hai fatto proprio una cazzata grossa come una casa e ti giuro mi ha dato proprio fastidio. Ancora non ho risolto, per un motivo o per l’altro. Certe volte mi scordo, altre non se po’ fa’“.

L’ultimo messaggio tra i due risale al 23 ottobre. Dopo aver parlato un po’, Anastasiya sparisce. Luca, preoccupato, le scrive: . “Amo, dove sei?”. Poi la misteriosa telefonata e la successiva morte.

Omicidio Luca Sacchi
Omicidio Luca Sacchi Anastasiya “Non sapevo di avere tutti quei soldi con me” FOTO tuttomotoriweb