Lewis Hamilton è in trattativa con la Mercedes per il rinnovo biennale. Ma Toto Wolff lo avverte di non tirare troppo la corda: ci sono potenziali sostituti

Toto Wolff con Lewis Hamilton (Foto Paul Ripke/Mercedes)
Toto Wolff con Lewis Hamilton (Foto Paul Ripke/Mercedes)

Ormai l’intenzione è chiara: Lewis Hamilton dovrebbe firmare presto il rinnovo con la Mercedes per altre due stagioni. Per come si è messo il mercato piloti, con i contratti di Charles Leclerc alla Ferrari e Max Verstappen alla Red Bull blindati a lungo termine, davanti al sei volte campione del mondo non sembrano esserci altre alternative di livello.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Dietro le quinte, dunque, sono già partite le trattative tra la Freccia d’argento e l’anglo-caraibico, con l’obiettivo di trovare un accordo economico per il nuovo accordo biennale, sul quale Hamilton gioca comprensibilmente al rialzo (le indiscrezioni parlano di una cifra intorno ai 45 milioni di euro all’anno più bonus). Ma Lewis deve fare attenzione a non tirare troppo la corda.

Leggi anche —> Pronto il rinnovo per Hamilton alla Mercedes: quanto guadagnerà

Proprio in questa delicata fase di negoziato, infatti, arrivano le parole del team principal Toto Wolff a gelare il suo pupillo: se sarà necessario, la Mercedes sarà in grado di trovare un sostituto alla sua altezza. “Credo che qualunque squadra sportiva non sia statica”, ha risposto ai microfoni di Formula Rapida. “Questo significa che i cambiamenti ci sono sempre, e possono anche offrire delle opportunità. Anche se spero ancora che la nostra relazione continui, non dipende solo da me”.

Wolff vuole Hamilton, ma non a tutti i costi

Wolff rilancia la palla al pilota, insomma: “Non c’è dubbio che Lewis sia un pilastro del nostro team. I valori fondanti per noi sono quelli della moralità e dell’integrità, e comprendere la posizione e gli obiettivi di Lewis sarà l’aspetto chiave per qualsiasi decisione prenderemo”.

Dell’identikit di un possibile sostituto di Hamilton alla Mercedes non si parla: “Non c’è dubbio che Lewis sia la nostra priorità, non andremo a pesca di potenziali piloti prima di fare quella conversazione”, ha messo in chiaro Wolff. “Ma finché riusciremo a produrre una macchina veloce con un motore potente, avremo sempre l’opportunità di decidere chi la guiderà”. I candidati fuori dalla porta di Brackley non mancano di certo. Hamilton è avvisato.

Lewis Hamilton e Toto Wolff (Foto Steve Etherington/Mercedes)
Lewis Hamilton e Toto Wolff (Foto Steve Etherington/Mercedes)