Un’Irpef pazza la nostra che penalizza fasce di cittadini che non sono già di per sè forti. Il meccanismo alla base si espone a molte critiche, soprattutto in merito alla progressività dell’imposta che dovrebbe rispettare.

Irpef pazza: penalizza i pensionati e gli autonomi
Calcolatrice (pixabay)

Come spiega dettagliatamente Il Sole 24 Ore, i 20mila euro di reddito di un lavoratore autonomo pesano molto più dello stesso ammontare di reddito guadagnato da un lavoratore dipendente.
Si tratta di una differenza quantificabile in 106 volte.

Stessa cosa varrebbe, agli occhi del fisco, per i 20mila euro di un pensionato: valgono il 20% in meno di quelli percepiti dall’autonomo ma sono tassati 84 volte in più rispetto a quelli del dipendente.

Secondo quanto riportato infatti, un dipendente che abbia un reddito annuale pari a 20mila euro e due figli a carico si vede richiedere 16,80 euro, con un’aliquota dello 0,1%. Invece ne vuole 1.421 dal pensionato e addirittura 1.786 dall’autonomo.

Il Mef sarebbe dunque intenzionato a introdurre modifiche che possano ovviare al problema.
Tuttavia, come sempre le divisioni insite nel governo non aiutano: il deputato di Italia Viva, Luigi Marattin, vorrebbe “ripartire da zero” con un nuovo sistema di aliquote, regimi speciali e detrazioni. Invece il Pd vorrebbe ridurre le aliquote già esistenti.
Infine, il Movimento 5 Stelle propone un sistema a tre scaglioni con coefficiente familiare.

Leggi anche —>Il nuovo regime forfettario e l’effetto sui lavoratori autonomi

Un’Irpef paradossale

Il paradosso descritto peggiora, se possibile, con il crescere del numero di familiari a carico.

Infatti, un contribuente, lavoratore dipendente, che ha un reddito annuo di 25mila euro e senza familiari a carico, dovrà pagare il 15,3%. Se invece è pensionato pagherà il 20,7%.

Con un coniuge a carico si passa dal 12,6% del dipendente al 17,9% del pensionato. Invece l’autonomo pagherà il 15% della flat tax.
Se ci sono due figli a carico, l’aliquota ammonta al 6,7% per il dipendente, al 12,1% per il pensionato e al 13,3% per l’autonomo.

E’ come se si venisse a creare un quoziente familiare al contrario che penalizza pensionati e autonomi al crescere dei familiari che hanno a carico.

Irpef pazza: penalizza i pensionati e gli autonomi
Monete (foto Pixabay)