Le indiscrezioni da Maranello spengono gli entusiasmi dei tifosi Ferrari

Filtrano notizie poco incoraggianti sul progetto della Ferrari 2020 da Maranello: il giornalista Leo Turrini vuole spegnere l’euforia degli appassionati

La Ferrari di Charles Leclerc esce dai box (Foto Ferrari)
La Ferrari di Charles Leclerc esce dai box (Foto Ferrari)

I sogni dei tifosi su una Ferrari da titolo mondiale sembrano destinati a spegnersi prima ancora dell’inizio della stagione 2020 di Formula 1. Se l’inverno scorso aveva portato in dote una Rossa apparentemente molto competitiva nei test pre-campionato, salvo poi tornare bruscamente alla realtà quando sono scattati i Gran Premi veri e propri, stavolta i problemi della nuova monoposto sembrano emergere addirittura quando i motori non si sono ancora accesi.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Da più fonti interne al quartier generale di Maranello filtrano infatti indiscrezioni preoccupanti, secondo cui i dati del simulatore e della galleria del vento avrebbero messo in luce dei difetti aerodinamici del progetto ai quali non sarebbe semplice trovare una soluzione. Il primo a dar voce a queste notizie è stato Leo Turrini, decano dei giornalisti italiani di F1 e sempre ben informato sui fatti del Cavallino rampante.

Leggi anche —> Spuntano nuovi problemi sulla Ferrari 2020: c’è un errore aerodinamico

I dati spaventano gli appassionati

Il cronista ha spiegato di aver voluto spegnere i facili entusiasmi degli appassionati ferraristi di fronte a una situazione che non sembra particolarmente promettente: “Ho segnalato quella cosa perché mi sembrava bizzarro che ci fosse tutta questa euforia preventiva, tenendo conto che la Ferrari a fine 2019 è stata sovrastata dalla Mercedes”, ha spiegato Turrini al podcast Pit Talk.

Il giornalista non sembra nemmeno troppo convinto della superiorità della Scuderia sul fronte del propulsore, che è stato l’unico dato positivo dal punto di vista tecnico della passata stagione: “Vero che la Ferrari dello scorso anno fosse superiore sulla potenza del motore, ma senza riuscire a trarre vantaggio da quella potenza nei tratti misti te ne fai ben poco”.

Mercato piloti Ferrari: Vettel rimane?

Quanto alla coppia di piloti, Turrini è convinto che la Ferrari abbia fatto una “scelta di campo ben precisa”, addirittura “un investimento” su Charles Leclerc, blindando il suo contratto fino al 2024. “C’è una fiducia illimitata nel Principe di Monaco. E per farlo sentire anche meglio a Maranello, gli hanno preso nell’accademia anche il fratellino (Arthur Leclerc, ndr). Ma questo non significa che Sebastian Vettel non possa rinnovare anche lui il suo contratto in scadenza a fine anno.

Leggi anche —> Leclerc come Marc Marquez: in Ferrari arriva il fratello Arthur

“Io penso che se Verstappen ha firmato per Red Bull, avendo come unica teorica opzione la Mercedes, penso voglia dire che presto ci verrà detto che Hamilton allunga con Mercedes”, prosegue Turrini. “A quel punto lì, la Ferrari è nella condizione avendo Vettel in scadenza, di decidere anche con relativa tranquillità cosa vuole fare per l’altro posto accanto a Leclerc. Vettel è un grande campione, ma in Red Bull c’è Verstappen e se Hamilton rimane in Mercedes, o Vettel scommette su un quarto team come la Renault o la McLaren in ripresa, oppure se vuole continuare a correre, gli può anche star bene, dato che non si reputa inferiore, rimanere a Maranello con Leclerc. A patto che i due riescano a trovare un equilibrio relazionale che nel 2019, sinceramente, non abbiamo visto tanto spesso”.

La Ferrari di Sebastian Vettel ai box (Foto Ferrari)
La Ferrari di Sebastian Vettel ai box (Foto Ferrari)