Allarme smog: a gennaio ben 18 giorni sforamento dei limiti in 5 città. Nel 2019 ben 26 centri sono stati ritenuti fuori legge. Dal report Mal’aria di Legambiente emergono dati inquietanti.

Allarme smog: 26 città "sforano"
co2( foto Pixabay)

A gennaio Frosinone, Milano, Padova, Torino e Treviso hanno sforato per ben 18 volte i limiti di Pm10, le polveri sottili. Anche Napoli sebbene per 16 giorni e Roma per 15 hanno superato le soglie.

Nel 2019, 26 i centri urbani sono stati fuorilegge sia per polveri sottili sia per l’ozono: in vetta alla classifica Torino con 147 giornate. Subito a seguire Lodi e Pavia.

Il comunicato stampa presente sul sito di Legambiente sul report Mal’aria spiega: “In Italia l’emergenza smog è sempre più cronica e si ripresenta puntale ogni anno”.

“Il 2019 anno nero per la qualità dell’aria: 26 i centri urbani fuorilegge sia per polveri sottili (PM10) sia per l’ozono (O3). Prima Torino con 147 giornate fuorilegge (86 per il PM10 e 61 per l’ozono), seguita da Lodi e Pavia.
Dal 2010 al 2019 il 28% delle città monitorate da Legambiente ha superato ogni anno i limiti giornalieri di PM10. Torino prima in classifica 7 volte su 10 con un totale di 1086 giorni di inquinamento in città”.

Leggi anche —>Smog alle stelle e le auto si fermano

Le principali fonti di emissione sono il traffico, il riscaldamento domestico, le industrie e le pratiche agricole.

L’auto privata è in Italia ancora troppo utilizzata: se ne contano 38 milioni e soddisfano complessivamente il 65,3% degli spostamenti.

La triste e ovvia conseguenza è registrabile in termini di slaute: si tratta di oltre 60mila morti premature dovute all’inquinamento atmosferico.

Il danno economico dovuto ai costi sanitari che sosteniamo per queste malattie e morti e, quindi per le cure, le visite, i giorni di astensione dal lavoro, in Italia oscilla tra 47 e 142 miliardi di euro l’anno (e tra i 330 e i 940 miliardi in Europa).

Sicuramente un tema detrminante rimane quindi quello dei trasporti: cambiare la cultura degli spostamenti e di conseguenza aumentare lo smart working di pari passo con un miglioramento delle reti di trasporto pubblico sia su rotaia sia su gomma.

Allarme smog: 26 città "sforano"

utela ambientale (Pixabay)