Superbike, Bautista: “Il motore Honda sorprende. Portimao? Ho scelto mia figlia”

0
436

Alvaro Bautista ha parlato dopo il primo giorno di test Superbike a Jerez. Prime impressioni positive sulla nuova Honda, ma servono più chilometri. Smentito il record di Portimao, dove non era neppure presente.

Alvaro Bautista Superbike
Alvaro Bautista (foto WorldSBK)

Oggi a Jerez de la Frontera grande curiosità di vedere in pista la nuova Honda CBR1000RR-R Fireblade. Peccato che la pioggia abbia rovinato la giornata di test e anche domani le condizioni atmosferiche dovrebbero essere negative.

Comunque la classifica dice che davanti a tutti, per quel che conta, c’è la Honda di Leon Haslam. Invece quella di Alvaro Bautista è in decima posizione. Il pilota spagnolo è anche caduto in mattinata. Solo 15 i giri completati dallo spagnolo, 1 in più rispetto al compagno. Pochi i chilometri percorsi per poter sviluppare la nuova moto di Tokio.

Superbike 2020, test Jerez: le sensazioni di Bautista sulla Honda

Bautista oggi ha parlato da Jerez, dando i suoi primi commenti sulla Honda CBR1000RR-R Fireblade: «Abbiamo iniziato senza riferimenti – riporta Speedweek -. Ho sempre guidato un motore V4, invece questa ha quattro cilindri in linea ed è diversa. Devo adattare un po’ il mio stile di guida e scoprire quali sono i punti di forza di questo concetto di motore. Ora è importante trovare una buona base. Elettronica? Non ho fatto molti giri sul bagnato, ma posso dire che lavora normalmente e non ho avuto problemi».

Il pilota spagnolo ha avuto modo di esprimere l’aspetto della moto che lo ha maggiormente colpito: «La Honda lavora molto duramente e molto bene, c’è tanto potenziale. Sono stato molto sorpreso dalla potenza del motore, mi aspettavo di meno».

Il rider della Honda dovrà anche conoscere bene il team per riuscire a lavorare al meglio, ma sa di poter contare su persone esperte e competenti: «Tutto è ancora molto nuovo. Dobbiamo conoscerci prima. Sono contento dei ragazzi, ma abbiamo ancora bisogno di un po ‘di tempo per sapere esattamente come possiamo lavorare insieme nel miglior modo possibile. Molti vengono dalla MotoGP, lavorano in modo molto professionale e hanno molta esperienza. Non sono preoccupato».

Il vice campione del mondo Superbike 2019 ha anche parlato della sua caduta odierna: «Sì, ho fatto un errore alla curva 6, il pneumatico anteriore è scivolato via. Fortunatamente, non è successo nulla.».

Alvaro ha confermato di non aver preso parte al test privato Honda a Portimao, perché era in ospedale per la nascita della figlia: «Dovevo scegliere se provare o essere lì quando è nata mia figlia. Ho ancora molti test e gare, ma forse avrò solo una figlia nella mia vita. Ecco perché ho preso la mia decisione e ne sono felice». Dunque i rumors sul presunto record della pista fatto in Portogallo con la nuova Honda si sono rivelati non veritieri.

Leggi anche -> Superbike, test Jerez: tempi e classifica Day-1. Piove, Honda davanti

classifica superbike jerez test day 1
Classifica Day 1 test Superbike – Jerez de la Frontera