Sanremo 2020, Elettra Lamborghini nella bufera per la cover

0
98

Elettra Lamborghini nella bufera a pochi giorni dall’inizio di Sanremo 2020: la cantante scatena la polemica per la scelta della cover.

Sanremo 2020
(foto dal web)

Il Festival di Sanremo 2020 andrà in onda su Raiuno dal 4 all’8 febbraio. Negli ultimi giorni, sulla kermesse musicale, si sono abbattute diverse polemiche. Dopo l’accusa di sessimo rivolta ad Amadeus per la presentazione di Francesca Sofia Novello, una nuova polemica è stata scatenata dall’annuncio delle cover che i 24 big in gara eseguiranno la sera del 6 febbraio. A scatenare la bufera è stato il brano scelto da Elettra Lamborghini.

Sanremo 2020, la cover scelta da Elettra Lamborghini scatena la polemica: mai in gara al Festival

Per celebrare i 70 anni del Festival di Sanremo, Amadeus ha scelto di dedicare la serata del giovedì alle cover. Se lo scorso anno, i cantanti si esibirono in duetto con ospiti italiani e stranieri sulle note del proprio brano in gara, quest’anno eseguiranno una cover scelta tra le canzoni che hanno fatto la storia del Festival.

Elettra Lamborghini che si esibirà in duetto con Miss Keta ha però scelto un brano che non è mai stato in gara a Sanremo ovvero “Non succederà più” di Claudia Mori. La signora Celentano, durante la trentaduesima, datata 1982 cantò quel brano al Festival, ma come ospite non sottoponendosi, dunque, al giudizio della giuria sanremese.

Leggi anche—>Sanremo 2020, petizione per escludere un artista: raccolte 20mila firme

Il regolamento di Sanremo 2020 prevede che tutti i cantanti scelgano un brano tra quelli che, in 70 anni di storia del Festival, sono stati in gara. Cosa accadrà, dunque, ad Elettra Lamborghini? Sarà costretta a cambiare canzone? In attesa di scoprirlo, ecco tutte le cover scelte:

Anastasio
Spalle al muro (Renato Zero, Sanremo 1991)

Piero Pelù

Cuore matto (Little Tony e Mario Zelinotti, Sanremo 1967)

Elodie con Aeham Ahmad
Adesso tu (Eros Ramazzotti, Sanremo 1986)

Elettra Lamborghini con Myss Keta
Non succederà più (Claudia Mori, ospite a Sanremo 1982)

Giordana Angi
La nevicata del ’56 (Mia Martini, Sanremo 1990)

Diodato
24mila baci (Adriano Celentano e Little Tony, Sanremo 1961)

Raphael Gualazzi con Simona Molinari
E se domani (Fausto Cigliano e Gene Pitney, Sanremo 1964)

Francesco Gabbani
L’italiano (Toto Cutugno, Sanremo 1983)

Alberto Urso con Ornella Vanoni
La voce del silenzio (Tony Del Monaco e Dionne Warwick, Sanremo 1968)

Marco Masini con Arisa
Vacanze romane (Matia Bazar, Sanremo 1983)

Enrico Nigiotti con Simone Cristicchi
Ti regalerò una rosa (Simone Cristicchi, Sanremo 2007)

Michele Zarrillo con Fausto Leali
Deborah (Fausto Leali, Sanremo 1968)

Rita Pavone con Amedeo Minghi
1950 (Amedeo Minghi, Sanremo 1983)

Tosca con Silvia Perez Cruz
Piazza grande (Lucio Dalla, Sanremo 1972)

Achille Lauro con Annalisa
Gli uomini non cambiano (Mia Martini, Sanremo 1992)

Bugo e Morgan
Canzone per te (Sergio Endrigo e Roberto Carlos, Sanremo 1968)

Irene Grandi con Bobo Rondelli
La musica è finita (Ornella Vanoni e Mario Guarnera, Sanremo 1967)

Le vibrazioni con Canova
Un’emozione da poco (Anna Oxa, Sanremo 1978)

Levante con Francesca Michielin e Maria Antonietta
Si può dare di più (Umberto Tozzi, Enrico Ruggeri, Gianni Morandi,Sanremo 1987)

Junior Cally con i Viito
Vado al massimo (Vasco Rossi, Sanremo 1982)

Paolo Jannacci con Francesco Mandelli
Se me lo dicevi prima (Enzo Jannacci,Sanremo 1989)

Pinguini tattici nucleari
Papaveri e papere (Nilla Pizzi, Sanremo 1952), Nessuno mi può giudicare (Caterina Caselli e Gene Pitney, Sanremo 1966), Gianna (Rino Gaetano, Sanremo 1978), Sarà perché ti amo (Ricchi e Poveri, Sanremo 1981), Una musica può fare (Max Gazzè, Sanremo 1999), Salirò (Daniele Silvestri, Sanremo 2002), Sono solo parole (Noemi, Sanremo 2012), Rolls Royce (Achille Lauro, Sanremo 2019)

Rancore con Dardust e La rappresentante di lista
Luce (tramonti a nord est) (Elisa, Sanremo 2001)

Riki con Ana Mena
L’edera (Nilla Pizzi e Tonina Torrielli,Sanremo 1958)

elettra lamborghini
Una foto pubblicata da Elettra Lamborghini scatena i detrattori