Bambina investita viene caricata in macchina e abbandonata vicino casa

La Polizia Locale di Milano ha denunciato una donna di 28 anni ed un’amica ritenute responsabili di aver travolto con l’auto una bambina di 13 anni e dopo averla investita di averla abbandonata vicino casa.

influenza
(foto dal web)

Una ragazza di 28 anni di Milano ed un’amica sono state denunciate per omissione di soccorso e violenza privata. La 28enne, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, lo scorso 10 gennaio avrebbe investito una bambina di 13 anni e, dopo averla caricata in auto, dove a bordo si trovava anche l’amica, l’ha abbandonata a pochi metri da casa ed è fuggita. La piccola, nonostante le diverse fratture ed i traumi riportati nell’impatto, è riuscita a raggiungere la propria abitazione ed è stata portata in ospedale, dove i medici le hanno dato 30 giorni di prognosi. Dopo una settimana di indagini, sabato gli investigatori hanno rintracciato la donna che è stata denunciata insieme all’amica.

Milano, bambina investita da un’auto, caricata in macchina ed abbandonata vicino casa: denunciate due donne

La Polizia Locale di Milano, dopo una settimana di indagini accurate, sabato scorso ha rintracciato la donna che nel tardo pomeriggio del 10 gennaio aveva travolto una bambina di 13 anni a Quarto Oggiaro. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, riporta la redazione de La Repubblica, la ragazza di 28 anni che si trovava in auto con un’amica, avrebbe travolto in via Pascarella la 13enne, che nell’impatto è stata sbalzata a qualche metro sull’asfalto. A quel punto, mentre la piccola piangeva per il dolore, le due invece di contattare i soccorsi, avrebbero deciso di caricare in macchina la piccola che, nonostante fosse in preda ai dolori per le ferite e le fratture riportate nell’incidente tanto da vomitare in auto, sarebbe riuscita a comunicare l’indirizzo di casa. Le due, che avevano vagato per circa un quarto d’ora nel quartiere, come riporta Repubblica, si sarebbero recate nei pressi dell’abitazione della bambina che sarebbe stata lasciata a debita distanza, per non essere scoperte. La 13enne, riuscita a rientrare a casa, è stata portata dai genitori in ospedale, dove le sono state riscontrate diverse fratture, tra cui quella della clavicola e altri traumi per una prognosi di 30 giorni. Del caso si sono occupati gli agenti della Polizia Locale del capoluogo milanese che hanno avviato le indagini, durante le quali, come riporta Repubblica, è stato utilizzato un sofisticato software forense per ricomporre tutti i caratteri della targa del veicolo, individuato attraverso le telecamere di sorveglianza. Al termine delle indagini, gli investigatori hanno rintracciato la ragazza che ha ammesso le proprie responsabilità, così come fatto poco dopo dall’amica che era a bordo dell’auto. Le accuse per entrambe sono di omissione di soccorso e violenza privata.

Leggi anche —> Terribile incidente in serata: auto esce di strada e sfonda la vetrata di un negozio

Polizia Locale Milano
Polizia Locale Milano (foto dal web)