Un automobilista ubriaco di 55 anni, a San Donato Milanese, ferma i vigili e chiede i documenti. Risultato: multa, patente ritirata e auto confiscata.

Polizia municipale
(foto dal web)

Un 55enne di Milano si è messo alla guida dell’auto e quando ha incrociato una pattuglia dei vigili si è fermato per chiedere loro i documenti. Una trovata a prima vista divertente che sta rimbalzando sul web, ma che è costata cara all’uomo in evidente stato di ebbrezza. L’episodio è avvenuto alcuni giorni fa a San Donato, nel Milanese.

Secondo quanto riportato dalle cronache locali il 55enne avrebbe tentato di invertire i ruoli ai danni di una pattuglia di agenti in normale servizio di perlustrazione. Sceso dalla sua vettura si sarebbe avvicinato agli agenti chiedendo loro i documenti con l’intento di comminare una multa. Ma i poliziotti, accorgendosi dello stato alterato dell’uomo, hanno riportato all’ordine la situazione, infliggendo una contravvenzione all’uomo in evidente stato di alterazione e ritirandogli la patente, oltre alla confisca dell’auto.

Il lato strano della vicenda è che sarebbe stato lo stesso automobilista a far notare di essere ubriaco, provocando prima una verifica legittima e poi l’azione penale. Avrebbe invitato gli agenti ad accostarsi, cosa eseguita dai poliziotti credendo che l’uomo avesse bisogno di aiuto. Ma quando si sono visti chiedere i documenti hanno subito notato che qualcosa non andava, addebitando subito all’alcol l’assurda richiesta.

Accompagnandolo con una scusa al comando di polizia municipale, è stato sottoposto ad alcol test che ha confermato i sospetti rilevando nel sangue 1,5 grammi di alcol per litro rispetto allo 0,50 consentito dalla legge.

Leggi anche -> Vomito in auto: come pulire le macchie sulla tappezzeria

polizia municipale