Nel 2020 sarà ancora Formula Noia? McLaren: “Nessun miglioramento”

Secondo il boss della McLaren Zak Brown il 2020 dalla F1 sarà copia-incolla di quello che abbiamo visto negli ultimi anni.

La partenza del Gran Premio di Formula 1 di Abu Dhabi 2019 (Foto Charles Coates/Getty Images)
La partenza del Gran Premio di Formula 1 di Abu Dhabi 2019 (Foto Charles Coates/Getty Images)

Nessun grande movimento. Nessun colpo di coda di qualche team che non siano le solite Mercedes, Ferrari e Red Bull. Questa la previsione per la stagione che prenderà il via il prossimo 15 marzo dall’Australia del CEO dell’equipe di Woking.

A sorpresa quarta forza in campo nel 2019, la McLaren difficilmente sarà in grado di fare il passo ulteriore necessario per infastidire le tre big per la conquista del podio.

Non penso che sapremo fare un salto avanti come quello del più recente campionato“, ha affermato Brown al quotidiano Marca. “Il regolamento è del tutto simile a quello precedente, di conseguenza non credo che la griglia sarà tanto differente rispetto a quella che ormai conosciamo“.

Malgrado i progressi che in teoria dovrebbero esserci, per l’imprenditore americano non assisteremo a colpi di scena.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Siamo ancora un gruppo giovane“, ha sottolineato commentando poi la figura rilevante di James Key, l’ex mente tecnica della Toro Rosso, approdato in Inghilterra lo scorso anno. “Allora non aveva contribuito allo sviluppo della MCL34. Staremo a vedere cosa porterà il suo contributo. Le sensazioni sulla vettura sono positive. Certo, avremo dei weekend negativi ed altri positivi, ma la speranza è che si riesca a progredire man mano“.

Altrettanto con i piedi piantati per terra si è mostrato il team principal Andreas Seidl, il quale parlando a Motorsport-Magazin.com ha gettato lo sguardo ancora più avanti, ovvero al 2022, quando forse qualche successo potrà arrivare.

Il target che ho per la scuderia va fino al 2023, quando ci sarà maggiore stabilità in termini di regole e budget cap. Solo in quel frangente potremo battagliare per un piazzamento sul podio o per la vittoria“, ha precisato il tedesco.

(©Getty Images)

Chiara Rainis