La Honda gioca d’anticipo: è già in pista a Jerez oggi, con il suo collaudatore Stefan Bradl, per il primissimo test della MotoGP 2020

Stefan Bradl scende in pista con la Honda MotoGP per i test di Jerez (Foto dal profilo ufficiale Twitter di Stefan Bradl)
Stefan Bradl scende in pista con la Honda MotoGP per i test di Jerez (Foto dal profilo ufficiale Twitter di Stefan Bradl)

Per i collaudatori e gli esordienti della MotoGP, i primi test pre-campionato 2020 scatteranno il prossimo 2 febbraio sul circuito di Sepang. Per tutti gli altri piloti, l’inizio ufficiale delle prove invernali è fissato per il 7, sempre sul tracciato malese. Ma c’è una squadra che gioca d’anticipo su tutti gli altri: la Honda.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Già oggi, infatti, sul circuito di Jerez de la Frontera, in Spagna, è tornato in pista il test rider Stefan Bradl, che ha riacceso i motori dell’ultima evoluzione della RC213V, equipaggiata con le più recenti novità sviluppate dai tecnici di Tokyo nel corso degli ultimi mesi.

Via libera ai test del collaudatore Honda

Tutto regolare, s’intende: le norme del Motomondiale prevedono infatti il divieto di girare nei mesi di dicembre e gennaio, ma limitato soltanto ai piloti titolari. Dunque Bradl, essendo un semplice collaudatore, non infrange il regolamento provando la moto prima di tutte le squadre avversarie. Con la speranza di ricevere anche una mano dal meteo, visto che per la giornata di domani in Andalusia è prevista pioggia, che potrebbe complicare i piani della Honda.

Ad annunciare il suo primo impegno del 2020 è stato lo stesso pilota tedesco, pubblicando un post sul suo profilo ufficiale di Twitter: “Con la nuova settimana si conclude la pausa estiva”, ha scritto Bradl. “I primi test del 2020 con il team Hrc scattano martedì in Spagna”. Gli occhi degli appassionati sono dunque già puntati su Jerez, per il primissimo antipasto di una stagione di MotoGP che si preannuncia tutta da seguire.

Stefan Bradl (Foto Sebastian Marko/Red Bull)
Stefan Bradl (Foto Sebastian Marko/Red Bull)