Volkswagen Golf GTI: foto spia prima del Salone di Ginevra

La parte posteriore della nuova Volkswagen Golf GTI sembra essere stata rivelata sui social media, in vista del debutto ufficiale al salone di Ginevra a marzo.

photo Instagram

L’utente di Instagram wilcoblok ha pubblicato quello che sembra essere il nuovo posteriore della Volkswagen Golf GTI, un suggerimento supportato da differenze visibili rispetto alla vettura standard recentemente rivelata, tra cui il doppio scarico, un diffusore posteriore prominente e cerchi in lega individuati in precedenza su prototipi GTI mimetizzati. Lo spoiler posteriore di grandi dimensioni – non una caratteristica della GTI di settima generazione – suggerisce che questa potrebbe anche essere una variante limitata.

La Volkswagen avrà un totale di quattro modelli di Golf nei concessionari entro la fine del 2020, con la R in vendita pochi mesi dopo la GTI , la GTD diesel e la GTE ibrida plug-in. Dopo la rivelazione della GTI e della GTD al salone di Ginevra, la versione R sarà presentata a luglio al Goodwood Festival of Speed.

Leggi anche -> Vendite Volkswagen 2019: la mappa delle consegne nel mondo

Il motore e il cambio della nuova GTI

La trasformazione da Golf normale a GTI sarà probabilmente gestita in modo sottile come le varianti precedenti. Comprenderà i soliti terminali di scarico a doppia uscita, pinze dei freni rosse, prese d’aria robuste e un kit per il corpo che si estende intorno alla parte inferiore della vettura. Prevedibile una versione aggiornata del motore a benzina da 2,0 litri EA888 Audi sviluppato nell’attuale Mk7 Golf GTI. Ancora una volta, come la versiopne attuale, verrà offerta con due varianti di potenza: una potenza standard di circa 242 CV e un modello più potente di 287 CV, che sostituirà la versione MK7 Performance .

Lo scatto 0-100 km/h sarà inferiore a sei secondi e la velocità massima toccherà i 250 km/h. Due le opzioni di cambio: manuale a sei marce o doppia frizione automatico a sette marce. Il propulsore a quattro cilindri da 2,0 litri montato trasversalmente sarà accoppiato a un motore elettrico e un’architettura elettrica a 48V. È una configurazione che la VW prevede di rispecchiare sul più piccolo motore a benzina a quattro cilindri da 1,5 litri e sulle unità diesel a quattro cilindri da 2,0 litri utilizzate nella Mk8 Golf.