Binotto: “Vi svelo cosa hanno fatto Vettel e Leclerc dopo il Brasile”

0
223

F1 | Mattia Binotto ha svelato un interessante retroscena riguardante il post incidente tra Vettel e Leclerc avvenuto quest’anno in Brasile.

Mattia Binotto (Getty Images)
Mattia Binotto (Getty Images)

La Ferrari si prepara a vivere un’importante stagione in F1. Dalle parti di Maranello non si festeggia un Mondiale ormai da diversi anni e proprio per questo in questo 2020 c’è voglia di riscatto. Lo sa bene Mattia Binotto, che in questa annata dovrà essere bravo a gestire Leclerc e Vettel.

Il team principal della Rossa durante un’intervista pubblicata su “The Official Ferrari Magazine” ha così affermato: “Non ho ancora passato le mie cose nel nuovo studio da quando sono diventato team principal. Non credo che questo sia un ruolo più importante né è mai stata la mia grande ambizione. Per me è stata un’ascesa naturale e devo essere grato alla Ferrari per ciò che mi è successo. L’anno scorso stavo partendo per Londra e ho comprato la Gazzetta dove parlavano della mia nomina, allora abbiamo dovuto accelerare i tempi dell’annuncio”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Binotto: “Bisogna curare anche la parte politica”

Binotto ha poi proseguito: “Se prima da direttore tecnico ero abituato solo a spendere, adesso da team principal devo pensare a risparmiare o addirittura a guadagnare. In F1 il problema non è sviluppare una potenza di 1000 CV, ma arrivarci prima degli altri. Sono molto felice di come sia cresciuto lo spirito di squadra. Siamo molto uniti, piloti compresi. Vi posso fare un esempio: il giorno dopo l’incidente del Brasile mi hanno chiamato Charles e Seb, si erano sentiti tra loro e si erano chiariti e mi hanno chiamato per una call a tre. Una dimostrazione di coesione notevole”.

Infine il numero uno della Ferrari ha così concluso: “In questa F1 ci vuole un impegno anche politico oltre che tecnico e sportivo. Non è sufficiente avere solo una macchina competitiva e piloti bravi. Non mi aspettavo tanto impegno. Abbiamo le carte in regola per fare bene, ma nulla è scontato”.

Antonio Russo

Binotto (Getty Images)
Binotto (Getty Images)