Trattenere scoregge | se lo fate sarebbe meglio smettere | perché

0
39491

La consuetudine – o la necessità – di trattenere scoregge andrebbe limitata il più possibile se non eliminata del tutto. Ne beneficerà la salute.

Trattenere scoregge

Quella di trattenere scoregge può rivelarsi una drammatica necessità. Questo ovviamente a seconda del contesto di riferimento. Trovarsi in un ascensore con uno o più estranei, oppure anche in una aula od un ufficio, magari comunque a stretto contatto con gli altri, può comportare non poco disagio in certe situazioni. Allora non resta altro che ‘farsi del male’ e reprimere tutto quanto andrebbe invece espulso dal nostro organismo. Ma alcuni esperti in ambito medico fanno sapere che questo comportamento può risultare nocivo per la salute. È bene sapere anzitutto che la flatulenza consiste in una miscela di gas che sorge dopo precisi processi gastrointestinali. Vengono coinvolti sia l’aria ingerita che i gas che derivano dalla fermentazione dei cibi durante la lavorazione del cibo ingerito. Responsabili di tutto ciò sono dei batteri simbiotici e dei lieviti, proprio nel tratto gastrointestinale.

LEGGI ANCHE –> Infezione cardiaca | uomo rischia di morire per colpa dei popcorn

Trettenere scoregge, è assolutamente consigliato non farlo

La purtroppo caratteristica puzza deriva invece da delle particelle aerosolizzate di feci. Ma la loro presenza deve essere vista in ottica positiva, in quanto testimonia il corretto funzionamento dell’intestino. Anziché trattenere scoregge, è bene espellerle per consentire al ventre di sgonfiarsi. Eliminando il gas in eccesso prodotto dall’intestino, riusciremo a dare immediato sollievo allo stomaco. Un blocco delle stesse invece consiste in un accumulo di gas che sarebbe meglio evitare. Se si esagera in questa pratica, il rischio è quello di approdare alla formzione di spasmi all’interno dell’addome. Questo a causa di sacche di aria presenti nell’intestino. Poi c’è infine anche il rischio di arrivare ad una stipsi o ad una distensione patologica dell’intestino.

LEGGI ANCHE –> Salute, ecco la più grande ‘epidemia’ della storia umana