MotoGP | Giacomo Agostini ha ricordato che molti anni fa fu lui il primo a vincere nel Motomondiale indossando una maglia gialla e il 46 oggi di Valentino Rossi.

Giacomo Agostini nel box di Rossi (Getty Images)
Giacomo Agostini nel box di Rossi (Getty Images)

Giacomo Agostini è, ancora oggi, il pilota più vincente nella storia del motociclismo. Negli anni passati, quando Valentino Rossi ha cominciato a mettere insieme vittorie a raffica in tanti hanno paragonato i due e un po’ come nel calcio per il dualismo tra Maradona e Messi la cosa ha enormemente diviso gli addetti ai lavori.

Come riportato dai colleghi di “Fanpage.it” Agostini ha svelato alcuni interessati aneddoti che lo legano al Dottore: “All’inizio della mia carriera io ho corso in Spagna con il 46. Avevo la maglia gialla e il 46 e ho vinto. Il casco con cui ho vinto diversi campionati del mondo, il casco a scodella, ce ne sono 2 al mondo lo stavo per vendere perché mi avevano offerto una cifra alla quale era difficile dire di no”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Ago ricorda la sua vittoria perduta

L’ex pilota ha poi proseguito: “Durante la notte però ho poi riflettuto e ho pensato che forse era meglio lasciare a lui i soldi. Un giapponese mi aveva offerto 120mila dollari, un casco che avevo pagato 2 euro. Io ho ottenuto 123 vittorie, ho anche la coppa. Me l’ero dimenticata, è stato uno spagnolo che guardando ha trovato che io avevo vinto nel 1977 a Hockenheim una gara del Campionato del mondo, quindi l’ho vinta”.

Infine Agostini ha così concluso: “Nella mia griglia dei sogni metterei Hailwood, Kenny Roberts, metterei Valentino, Marquez, poi Phil Read. Una gara avevo mio fratello davanti e avevo paura a superarlo, avevo paura si facesse male e pensavo a mia madre a cosa avrei dovuto dirgli se fosse caduto. Ero molto preoccupato e infatti gli dissi di non fare la mia categoria perché non potevo passare le gare a pensare alla sua sicurezza.

Antonio Russo

Giacomo Agostini (Getty Images)
Giacomo Agostini (Getty Images)