L’introduzione della sugar tax sta compromettendo la permanenza di Coca Cola in Italia secondo quanto spiega Il Sole 24 Ore: il colosso della bevanda zuccherata più nota al mondo se ne andrà dal nostro Paese in favore di paesi più amici del saccarosio.

La sugar tax fa scappare Coca Cola dall'Italia
Coca cola (foto Pixabay)

A Catania opera la Sibeg che è di proprietà della famiglia Busi e che produce, imbottiglia e distribuisce da oltre cinquant’anni le bevande del marchio Coca Cola e conta ad oggi ben 350 lavoratori.

Il Sole 24 Ore riporta le parole di Tonino Russo, segretario generale della Flai Cgil Sicilia: «Inizialmente la proprietà ci ha quantificato in una ventina di milioni di euro l’aggravio dei costi dovuti alla nuova tassa e per questo motivo ha avanzato una richiesta di esuberi pari al 40% dei lavoratori, cioè 151 persone».

Le notizie trapelate hanno ora preso una piega ben peggiore: il management minaccerebbe di spostare in Albania tutti gli investimenti pianificati per Catania il che sarebbe un grave colpo per la Sicilia.

Leggi anche —>Coca Cola minaccia di andarsene per colpa di plastic e sugar tax

Coca Cola minaccia la delocalizzazione per colpa della sugar tax

A Tirana la Sibeg possiede già da tempo uno stabilimento per l’imbottigliamento della Coca Cola: la famiglia Busi lo ha fondato ben 25 anni fa.
Tuttavia, da Tirana escono “solo” 10 milioni di casse all’anno laddove Catania ne fa 27 milioni.

Il contenuto del Comunicato delle parti sociali

Il comunicato congiunto di sindacati e azienda chiede che il premier Giuseppe Conte cerchi possibilità alternative che compensino il mancato guadagno di Coca Cola (si tratta di 18 milioni tra sugar e plastic tax).

Luca Busi, amministratore delegato della Sibeg dichiara: «(…) a Tirana paghiamo soltanto una flat tax del 15%, mentre in Italia la tassazione complessiva sulle aziende ormai supera il 60%. Per questo ho deciso di spostare a Tirana i due investimenti che avevo previsto di fare sullo stabilimento siciliano da qui a tre anni: quello per la linea di produzione dei formati piccoli e quello per l’imbottigliamento asettico». E aggiunge: «L’impianto di Catania rimarrà, certo, ma depotenziato – dice Busi – e per questo dobbiamo ringraziare la sugar e la plastic tax».

La sugar tax fa scappare Coca Cola dall'Italia
Tavolo con barattolo di zucchero (foto Pixabay)