La Formula 1 perde il suo boss… e 26 milioni di dollari

0
5509

Il responsabile commerciale della Formula 1, Sean Bratches, sta per lasciare il suo posto. Se ne va anche uno sponsor del campionato, la Tata

Il responsabile commerciale della Formula 1, Sean Bratches, con il presidente Chase Carey (Foto Miguel Medina/Afp/Getty Images)
Il responsabile commerciale della Formula 1, Sean Bratches, con il presidente Chase Carey (Foto Miguel Medina/Afp/Getty Images)

È tempo di grandi uscite ai piani alti della Formula 1. Il primo esodo che si prospetta da Liberty Media, il gruppo americano che organizza il campionato del mondo a quattro ruote, è quello di Sean Bratches, ex dirigente della televisione sportiva statunitense Espn e oggi responsabile delle operazioni commerciali del Mondiale.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Insomma, una delle punte di diamante della triade che governa la F1, oltre al presidente Chase Carey e al responsabile sportivo Ross Brawn. Il suo compito, fino ad oggi, è stato quello di gestire le principali fonti di guadagno della serie: dalle cifre pagate dai singoli Gran Premi per ospitare la gara alle sponsorizzazioni e ai contratti con le televisioni.

L’addio di Bratches alla Formula 1

Già dalla fine della scorsa stagione, però, Bratches è apparso sempre più stanco e intenzionato a trascorrere più tempo con la sua famiglia, che vive negli Stati Uniti. Ad ammettere questo problema, al Gran Premio conclusivo del 2019 ad Abu Dhabi, è stato lo stesso Carey: “Per quanto riguarda Sean, sto trattando”, aveva spiegato ai microfoni della rivista specializzata inglese Autosport. “Siamo impegnati, ma non abbiamo ancora preso una decisione. Ovviamente Sean vive una vita unica, ha una famiglia che vive negli Stati Uniti e lui vive a Londra. Credo che si diverta molto in quello che fa, che si sia goduto questa esperienza, che sia emozionato in vista del futuro e della direzione in cui stiamo andando. Finora non abbiamo avuto il tempo nemmeno di respirare. Perciò, quando terminerà questo weekend e torneremo a Londra, potremo parlare di cosa faremo dopo. Ma non abbiamo preso ancora alcuna decisione”.

Ora sembra che l’accordo per l’addio di Bratches sia stato trovato e che le sue dimissioni verranno ufficializzate già la settimana prossima, rivela la stessa Autosport. Ma ad andarsene sarà anche un grosso sponsor della Formula 1: Tata Communications, la grande multinazionale indiana che fino ad oggi era partner per la connettività. Questa notizia è stata rivelata dalla Press Trust of India, che cita fonti vicine all’azienda: secondo Forbes, il contratto in questione avrebbe portato circa 26 milioni di dollari all’anno nelle casse del campionato.

Il responsabile commerciale della Formula 1, Sean Bratches (Foto Clive Mason/Getty Images)
Il responsabile commerciale della Formula 1, Sean Bratches (Foto Clive Mason/Getty Images)