Max Biaggi e Jorge Lorenzo entreranno nella Hall of Fame MotoGP. Nel 2020 verrà inserito anche il neozelandese Hugh Anderson.

Max Biaggi
Max BIaggi (getty images)

La stagione 2020 sarà un anno da incorniciare per Max Biaggi e Jorge Lorenzo. I due amici e colleghi verranno incoronati leggende della MotoGP: il maiorchino verrà inserito nella Hall of Fame a Jerez, il Corsaro al Mugello. Successivamente entrerà a farne parte anche il quattro volte campione del mondo Hugh Anderson.

L’iscrizione di Jorge Lorenzo tra le leggende della MotoGP è stata decisa nel giorno stesso del suo annuncio del ritiro. Un circuito non certo casuale per il pentacampione. A Jerez ha fatto il suo debutto all’età di 15 anni e l’ultima curva porta il suo nome. Tre titoli mondiali nella classe regina in sella alla Yamaha, la stessa scuderia che attende il suo s^ ufficiale per confermarlo come collaudatore della M1. “Poter vincere le gare e poi cinque mondiali è qualcosa che supera ampiamente le mie aspettative. Essere una leggenda della MotoGP è qualcosa di ancora più difficile da raggiungere. Essere nominati una leggenda significa, a parte i titoli, che hai lasciato un segno nelle persone e nella storia di questo sport. Vorrei ringraziare Dorna e la FIM per il loro supporto in tutti questi anni e per avermi incluso in questo gruppo speciale di ciclisti selezionati”.

Il Corsaro tra le leggende MotoGP

Il 2020 sarà l’anno della “consacrazione” anche per l’amico di sempre Max Biaggi. Quattro titoli consecutivi nella classe 250, poi due titoli SBK. “Sono onorato di diventare una leggenda della MotoGP e so che il mio nome rimarrà lì per sempre con altri importanti piloti come Agostini, Aspar, Nieto, Sheene … Sono felice che il mio retaggio da corsa sarà sempre ricordato ed è è una buona sensazione che conoscere tutti i miei anni di duro lavoro sia ancora riconosciuto, anche oggi. Vorrei ringraziare tutti coloro che hanno deciso di darmi questo onore”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Jorge Lorenzo (Getty Images)
Jorge Lorenzo (Getty Images)