Boss di mafia si scaglia contro agente di polizia penitenziaria in carcere

0
102

Leoluca Bagarella, boss di mafia che sta scontando diversi ergastoli, ha aggredito con un morso un agente di polizia penitenziaria nel carcere di massima sicurezza di Sassari.

Carcere
Carcere (foto dal web)

Il boss di mafia Leoluca Bagarella, attualmente detenuto nel carcere di massima sicurezza di Sassari, ha aggredito un agente del Gom, il Gruppo operativo mobile della polizia penitenziaria. Il killer di Cosa Nostra, cognato di Totò Riina, avrebbe morso l’agente del nucleo speciale durante il trasferimento dalla sua cella alla sala per le videoconferenze del carcere, dove il boss avrebbe dovuto assistere all’udienza presso il Tribunale di Palermo nell’ambito del processo d’appello sulla trattativa Stato-mafia. L’agente è stato sottoposto alle cure dei medici dell’infermeria, dove è finito anche Bagarella, ancora in stato d’agitazione dopo la colluttazione.

Il boss Leoluca Bagarella aggredisce con un morso un agente di polizia penitenziaria in carcere: portati entrambi in infermeria

Leoluca Bagarella, boss di Mafia e cognato di Totò Riina, si è reso protagonista di un’aggressione ai danni di un agente del Gom, il Gruppo operativo mobile della polizia penitenziaria. Secondo una prima ricostruzione, riportata dalla redazione de La Repubblica, mercoledì mattina, il killer di Cosa Nostra sarebbe andato in escandescenza durante il trasferimento dalla sua cella alla sala per le videoconferenze del carcere di massima sicurezza di Sassari, dove si trova rinchiuso al 41 bis, e si sarebbe scagliato contro l’agente mordendolo. Bagarella, riporta Repubblica, si stava recando, scortato dalla polizia penitenziaria, nella saletta per assistere ad un’udienza del processo d’appello sulla trattativa Stato-mafia che si stava svolgendo presso il Tribunale di Palermo. L’agente è rimasto ferito ed è stato portato in infermeria, dove è finito anche il boss corleonese, ancora in stato di agitazione in seguito alla colluttazione. Non sono ancora chiari i motivi dell’aggressione. Bagarella, riporta Repubblica, ha rinunciato ad assistere all’udienza del processo che è proseguito normalmente, nonostante sia iniziata in ritardo.  In primo grado il boss, che sta scontando diversi ergastoli, era stato condannato a 28 anni nel processo di primo grado.

Leggi anche —> Auto con a bordo una coppia di fidanzati finisce contro un albero: tragedia nella notte

Leoluca Bagarella
Il boss Leoluca Bagarella (foto dal web)