A Maranello scatta già l’allarme: “Qualcosa non va sulla Ferrari 2020”

0
4298

Leo Turrini, storico giornalista italiano di Formula 1 ben informato sulla Ferrari, riporta notizie allarmanti sulla nuova vettura 2020 da Maranello

La monoposto Ferrari di Formula 1 (Foto Ferrari)
La monoposto Ferrari di Formula 1 (Foto Ferrari)

La Ferrari 2020 deve ancora vedere la luce, ma già qualche dubbio sembra serpeggiare per i corridoi del quartier generale di Maranello riguardo la vettura che difenderà i colori della Rossa nel prossimo campionato del mondo di Formula 1. È quanto afferma Leo Turrini, veterano dei giornalisti di motori, che vanta fonti interne dirette nel Cavallino rampante.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Le notizie che riporta il cronista italiano sono allarmanti, in vista della presentazione della nuova monoposto che sarà presentata il prossimo 11 febbraio e che proprio nei giorni scorsi ha superato il crash test. “A me risulta che finora le indicazioni del simulatore e della galleria del vento non abbiano entusiasmato i tecnici di Maranello”, ha scritto sul blog che tiene sul sito del Quotidiano nazionale. “Ma tenete conto che c’è ancora tempo”.

Leggi anche —> Ferrari 2020, manca un mese: le ultime notizie sulla nuova macchina

Turrini scommette sul rinnovo di Vettel in Ferrari

Turrini ha anche detto la sua sul futuro alla Ferrari di Sebastian Vettel, in scadenza di contratto a fine stagione, mentre il suo compagno di squadra Charles Leclerc ha da poco rinnovato fino al 2024. “Io non sono sicuro che il 2020 sia l’ultimo anno di Vettel in rosso. A maggior ragione dopo il prolungamento di Verstappen alla Red Bull”, ha aggiunto.

Secondo il giornalista, infatti, il quattro volte campione del mondo tedesco avrebbe tutte le capacità per riprendersi dopo una stagione di grosse difficoltà: “Vettel non è minimamente condizionato dalla ostilità di parte dei media italiani, per la semplice ragione che non legge certe cose”, sostiene Turrini. “Poi avrà di sicuro chi gli riferisce, ma i piloti non sono come i calciatori e io aggiungo per fortuna. Quando Seb sbaglia, la caciara dei detrattori in servizio permanente effettivo non c’entra. Sbaglia e basta”.

La monoposto Ferrari di Formula 1 (Foto Ferrari)
La monoposto Ferrari di Formula 1 (Foto Ferrari)