Alaska | sopravvissuto dopo tre settimane a -16° | “Ha vissuto così”

0
774

Un sopravvissuto in Alaska ha dovuto affrontare delle temperature da paura e tante altre difficoltà. Alla fine lo hanno trovato in maniera pazzesca.

sopravvissuto Alaska
Un uomo sopravvissuto in Alaska a temperature spaventosamente basse per 3 settimane FOTO tuttomotoriweb

Un uomo è riuscito ad uscire da una situazione terribile. Lui infatti è sopravvissuto in Alaska per ben 23 giorni in una situazione climatica ed ambientale che definire estrema sarebbe poco, con una media di -16°. L’individuo in questione si chiama Tyson Steele e ha 30 anni. Tutto intorno a lui c’erano solo neve e ghiaccio, con temperature estreme come dovunque in Alaska. È proprio lì che è avvenuto tutto quanto, e Tyson ha trovato riparo all’interno di una capanna distante ben 30 km dal più vicino centro abitato, Skwentna. Lui si trovava lì a quanto pare per una sua scelta. Desiderava vivere in solitudine, isolato dal resto del mondo. Purtroppo l’aver messo del cartone all’interno di una stufa ha fatti si che ne scaturisse un incendio. Il fuoco ha divorato tutto nel breve volgere di pochi istanti, ed il sopravvissuto è rimasto senza niente. Purtroppo nell’incidente è morto anche il suo cane, un labrador di nome Phil.

LEGGI ANCHE –> Erezione continua | uomo assume stimolante per tori | 3 giorni di dolore

Sopravvissuto Alaska, riesce a tirare avanti da solo per tre settimane

Il luogo di quanto accaduto era lontano anche 110 km da Anchorage, la principale città dell’Alaska, che fa parte degli Stati Uniti. Di Tyson si erano perse le tracce da oltre tre settimane, e lui non aveva modo di comunicare con nessun altro. Per tutto questo tempo è riuscito a trovare riparo grazie ad un rifugio allestito con delle pelli che si era procurato. Poi ha scritto un messaggio gigante nella neve, con le classiche lettere ‘S.O.S.’ che per fortuna sono state individuate. Alcuni soccorritori avevano iniziato a setacciare la zona in elicottero ed alla fine lui si è fatto trovare accanto alla scritta. Per tutto questo tempo non ha fatto altro che mangiare, razionalizzandoli, un pò di burro di arachidi e di cibo in scatola. Lo hanno trovato in buone condizioni di salute, nonostante avesse dormito per tutti questi giorni in un tunnel scavato nella neve.

LEGGI ANCHE –> Destino beffardo per una dottoressa: muore a causa di una malattia oggetto dei suoi studi