Simona Repetto è la 49enne di Limone (CN) che, ammalatasi di cancro, ha scelto di non indossare la parrucca come segno di forza e libertà.

Simona, malata di cancro, invece della parrucca ha scelto l'arte
Simona Repetto (foto La Stampa)

Ha spiegato a La Stampa la scelta di non indossare la parrucca: «Avevo lunghi capelli biondi, con mèches, he rappresentavano la mia femminilità. Quando mi è stato annunciato che li avrei persi perché dovevo sottopormi alla chemioterapia per combattere il cancro, non ho voluto arrendermi e ho cercato, con la complicità di Irene Moi, una strategia per affrontare questo momento con coraggio».

Ed è così che ha deciso di fare della sua testa un’opera d’arte non coprendo la calvizie data dalla malattia con una parrucca che non sentiva una scelta adatta a sé.

Simona ha infatti un’amica parrucchiera che l’ha aiutata a portare avanti questa insolita e coraggiosa scelta.

Leggi anche —>Incidente in Alto Adige, il tragico destino di Janine: la ragazza che aveva sconfitto il cancro

<<Indossare una parrucca significava per me nascondere la realtà>>

Quarant’anni fa a Limone (CN) Simona ha conosciuto Irene, un’amica che oggi ha la propria attività di parrucchiera a Borgo San Dalmazzo (CN) e che ha spiegato a La Stampa: «Mi sono trasferita nel 1998, pochi mesi dopo la morte a quarant’anni di mia sorella per un tumore. In famiglia abbiamo tutti una spiccata propensione per l’arte: mio fratello, Osvaldo Moi, tiene mostre nel Cuneese e in altre regioni. E quando Simona mi ha informato di ciò che stava per succederle, mi è venuta l’idea dei tatuaggi semipermanenti.

Perché Simona voleva contrastare l’incubo della malattia e l’angoscia che le portava. Era l’inizio dell’estate, le ho proposto di usare delle parrucche ma faceva caldo e non le piacevano. Così abbiamo sperimentato i tatuaggi creativi, da ripetere ogni dieci giorni, che ha tenuto fino all’inizio dell’inverno (…)».

Simona ha infatti spiegato: «Indossare una parrucca significava per me nascondere la realtà. La testa tatuata mi ha permesso di sentirmi me stessa, con un aspetto diverso, ma grintoso. Il cancro ti azzera: ti porta via le ciglia, i capelli, ma se ti rendi conto che hai perso solo la cornice e sei sempre te stessa, allora puoi rinascere».

Simona, malata di cancro, invece della parrucca ha scelto l'arte
Viso tatuato (foto Pixabay)