Omicidio Simonetta Gaggioli, arrestata la nuora: inquietante verità sull’occultamento del cadavere

0
470

Il corpo di Maria Simonetta Gaggioli, 76 anni, la donna trovata morta all’interno di un sacco a pelo lungo la Vecchia Aurelia in provincia di Livorno, sarebbe stato occultato per due notti sotto il letto dei nipotini: arrestata la nuora

Simonetta Gaggioli
Simonetta Gaggioli (foto dal web)

Clamorosa svolta nel caso di Maria Simonetta Gaggioli, 76 anni, la donna trovata morta all’interno di un sacco a pelo lungo la Vecchia Aurelia nella zona di Riotorto, in provincia di Livorno. Nella giornata di ieri la nuora Adriana Rocha Gomez è stata arrestata con l’accusa di omicidio ed occultamento di cadavere. Medesime ipotesi di reato contestate al compagno nonché figlio della vittima, Filippo Andreani.

Omicidio Simonetta Gaggioli, arrestata la nuora Adriana Rocha Gomez: cadavere per giorni sotto il letto dei bambini

Il corpo di Simonetta Gaggioli, in avanzato stato di decomposizione, venne rinvenuto casualmente da un passante sulla Vecchia Aurelia all’interno di un sacco a pelo lo scorso 3 agosto. Per l’omicidio della donna sono stati iscritti nel registro degli indagati il figlio Filippo Andreani e la compagna di origine brasiliana Adriana Rocha Gomez a cui sono state contestate le seguenti ipotesi di reato: omicidio volontario, occultamento di cadavere e utilizzo indebito e falsificazione di carte di credito. Nella giornata di ieri, su ordine della Procura in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale, i Carabinieri hanno arrestato Adriana Rocha Gomez.

Stando a quanto riferito dalla redazione de La Stampa, a seguito di complesse attività investigative, gli inquirenti avrebbero scoperto che la 32enne brasiliana avrebbe somministrato alla suocera un farmaco da lei assunto per motivi terapeutici con un dosaggio però circa 10 volte superiore a quello previsto. Posologia risultata fatale alla Gaggioli che sarebbe morta avvelenata. Dopo il decesso, Adriana Rocha Gomez avrebbe deciso di occultare il cadavere infilando in un sacco a pelo ed abbandonandolo lungo la Vecchia Aurelia, dove poi è stato rinvenuto. Tuttavia, nel lasso di tempo in cui sarebbe intervenuto il decesso ed il momento in cui Adriana Rocha Gomez avrebbe deciso di occultare i resti della suocera: il corpo di quest’ultima sarebbe rimasto sotto il letto dei suoi nipotini. Una circostanza, riporta La Stampa, verificata nell’ambito di un esperimento giudiziale che ha avuto luogo durante l’incidente probatorio svoltosi lo scorso 3 gennaio. Il movente dell’omicidio, secondo gli inquirenti, sarebbe da ricercarsi nel rapporto burrascoso tra la Gaggioli e Adriana Rocha Gomez.

Leggi anche —> Giallo di Riotorto, colpo di scena: la confessione che non convince gli inquirenti

Carabinieri
Carabinieri (foto dal web)