Pestata dalle bulle della figlia davanti scuola: donna sfigurata

0
237

Una donna si è recata a scuola della figlia per denunciare delle giovani bulle che importunavano quest’ultima: all’ingresso però è stata aggredita da due ragazzine che l’hanno pestata, causandole gravi lesioni al volto.

cantante melanoma
F

L’assurda vicenda che ha visto coinvolta una giovane madre si è verificata in California davanti ad un istituto scolastico lo scorso martedì 7 gennaio. Una donna, Guadalupe Jimenez, si sarebbe recata presso la James Logan High School in California, frequentata dalla figlia adolescente per denunciare al Preside gli atti di bullismo subiti da quest’ultima ad opera di alcune coetanee. All’ingresso della scuola ad attenderla, però, un gruppo di ragazze che si sono scagliate contro di lei con inaudita violenza: Guadalupe Jimenez a seguito dell’aggressione è stata ricoverata in ospedale per 2 giorni. La donna ha riportato gravi lesioni al volto

Pestata dalle bulle della figlia davanti scuola: madre ricoverata per due giorni in ospedale

Due giorni di ricovero in ospedale e gravi lesioni al volto, questo il prezzo pagato da una madre in California che aveva deciso di denunciare le bulle della figlia. Maria Guadalupe Jimenez, lo scorso martedì 7 gennaio, aveva decido di recarsi presso la James Logan High School frequentata dalla figlia adolescente per denunciare al Preside gli atti di bullismo patiti da quest’ultima ad opera di alcune coetanee. Era insieme al marito Eder Rojas, riporta Il Messaggero, ed alla figlia di 16 anni, quando all’ingresso dell’istituto un gruppo di ragazze si è scagliato contro di lei. Il marito della vittima avrebbe riferito che prima ancora che potessero entrare nell’edificio sarebbero stati aggrediti: per proteggere la figlia si sarebbe lanciato per coprirla ma le bulle sarebbero riuscite comunque a superare l’uomo ed afferrare la moglie. In quel esatto istante si sarebbero consumati momenti di inaudita violenza: Maria Guadalupe Jimenez, riporta Il Messaggero, sarebbe stata presa per i capelli, trascinata in terra e pestata brutalmente riportando gravi lesioni al volto. Viso tumefatto, occhio nero, setto nasale rotto, questi i traumi patiti a cui è seguito un ricovero in ospedale di due giorni. La donna, che quattro mesi fa ha dato alla luce un’altra bambina aveva subito un parto cesareo, per tale ragione era ancora in fase di convalescenza. La polizia di Union City sopraggiunta al campus avrebbe arrestato una delle giovani ragazze ed il distretto scolastico avrebbe reso noto che oltre alle bulle ad essere coinvolti nell’aggressione anche un membro delle loro famiglie ed altri non appartenenti all’istituto.

Su GoFundMe, piattaforma di crowdfunding che consente alle persone di raccogliere fondi per le più disparate circostanze, un’amica della donna ha fatto partire una campagna per raccogliere denaro in grado di permettere a Maria Guadalupe Jimenez di portare avanti le cure. Sul sito si legge: “Dopo aver lasciato la mia amica incosciente hanno continuato a prenderla a calci in faccia e in testa. Ha tre fratture al naso e sospetti ematomi alla testa. Tutto ciò – riporta Il Messaggero– è accaduto in presenza della sicurezza della scuola che non ha fatto nulla. La mia amica è madre di tre figlie e si sta riprendendo da un taglio cesareo. Aiutiamola e aiutiamola su tutto ciò che può fermare il bullismo“.

Leggi anche —> Dramma in caserma: carabiniere si chiude in bagno e si toglie la vita

Maria Guadalupe Jimenez ed il marito
Maria Guadalupe Jimenez ed il marito (foto dal web)