Marc Marquez copia Valentino Rossi: la tentazione della Dakar

0
1556

Marc Marquez non esclude di correre la Dakar in futuro, quando si ritirerà dalla MotoGP. Proprio come il suo grande rivale Valentino Rossi

Marc Marquez e Valentino Rossi (Foto Gabriel Bouys/Afp/Getty Images)
Marc Marquez e Valentino Rossi (Foto Gabriel Bouys/Afp/Getty Images)

Forse un giorno potremmo vedere la rivalità tra Marc Marquez e Valentino Rossi riproposta su un terreno completamente nuovo: non più l’asfalto delle piste della MotoGP, ma la sabbia delle dune della Dakar. Come il suo grande rivale di Tavullia, infatti, anche il Cabroncito ha ammesso di essere un appassionato della superclassica maratona del deserto e non ha escluso l’eventualità di presentarsi alla partenza in futuro, magari quando smetterà di correre nel Motomondiale.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

“La Dakar mi piace particolarmente, tra tutti gli sport motoristici, per via delle difficoltà che comporta”, ha scritto nel suo blog sul sito ufficiale della Repsol. “Come sapete, sono più che a mio agio con le difficoltà. Tutte le diverse situazioni che si possono verificare e gli eventi imprevisti che arrivano dal nulla la rendono la prova più dura in assoluto, ed è bello seguirla ogni anno. Anche se per ora sono sicuro di voler continuare a correre in MotoGP, rimane un sogno per il futuro l’idea di considerare di correre la Dakar. Si tratta di una corsa molto dura per la quale bisogna prepararsi molto bene. Partecipare alla Dakar non è come correre alla domenica, ci vuole una grande quantità di preparazione, dal punto di vista fisico, tecnico e della navigazione. Per arrivarci pronti bisogna pensarci molto bene e preparare ogni aspetto”.

Marquez e Valentino Rossi subiscono il fascino Dakar

Valentino Rossi è stato invitato a correre la Dakar in futuro da grandi specialisti della disciplina come gli ex vincitori Jacky Ickx e Nasser Al-Attiyah. Quanto a Marquez, la sua possibile partecipazione se la immagina così: “Se corressi la Dakar, probabilmente lo farei in moto, perché le due ruote sono da sempre la mia passione più grande. Ma se la facessi in macchina, mi piacerebbe portarmi nell’abitacolo mio fratello Alex come copilota. Sarebbe divertente vedere come ci comporteremmo insieme. Forse potrei anche partecipare come copilota, dal momento che di solito ho un buon senso dell’orientamento. Se mi ritrovo in un posto che non conosco e non faccio attenzione o mi metto a parlare, alla fine devo usare Google Maps, ma non sempre! Onestamente dovrei allenarmi molto. Correre la Dakar richiede una grande preparazione: per ora mi concentro sulla MotoGP, ma in futuro chissà?”.

Leggi anche —> Il grande campione chiama Valentino Rossi: “Vieni a correre la Dakar”

Toby Price alla Dakar 2020 su Ktm (Foto Eric Vargiolu/Dppi/Red Bull)
Toby Price alla Dakar 2020 su Ktm (Foto Eric Vargiolu/Dppi/Red Bull)