La previsione di Isola: “Le nuove Pirelli daranno problemi”

0
129

La stagione 2020 deve ancora cominciare, ma il responsabile della Pirelli Mario Isola ha già avvertito che le nuove gomme creeranno delle difficoltà ai piloti.

(©Getty Images)

Per reggere il passo delle monoposto che vedremo in azione a partire dal prossimo febbraio nei test invernali del Montmelo, il monofornitore delle “scarpe” del Circus ha fatto sapere che per tentare di diminuire gli inevitabili problemi di bilanciamento saranno costretti ad intervenire sulla  pressione degli pneumatici.

Le nuove vetture disporranno di un maggiore downforce e dunque di energia suppletiva. Di conseguenza è possibile che i driver patiranno il surriscaldamento che “il peso” andrà tutto sulle gomme“, la previsione di Isola riportata da Motorsport.com.

Presente agli Autosport International in scena a Birmingham in queste ore il boss dell’azienda milanese ha messo tuttavia in luce la risoluzione di alcune pecche. “Di certo chi è al volante si dovrà preoccupare di meno di mandare le coperture in temperature. Se vi ricordate ad inizio della stagione 2019 diversi team si sono lamentati perché non riuscivano a riscaldare le gomme. Bene, nel campionato venturo questo non succederà anche perché il prodotto è il medesimo e conoscendolo ormai alla perfezione non avranno nulla da imparare“, ha chiosato il dirigente.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Come noto, le scuderie  hanno votato all’unanimità per non adottare le Pirelli prodotte per il mondiale 2020 e rimanere invece su quelle dell’anno scorso in versione leggermente aggiornata. Come d’abitudine gli pneumatici sono stati causa di discussioni e polemiche anche mezzo stampa.

In particolare il ginevrino della Haas Romain Grosjean ha criticato a più riprese sia le coperture in uso, sia quelle che in teoria dovevano essere introdotte nel 2020. Con lui su quest’ultimo punto si sono mostrati d’accordo la maggior parte dei colleghi. Soprattutto i più blasonati.

Sarà per tutto questo polverone sollevato che il marchio della P lunga ha fatto in modo di aggiudicarsi il tender per il 2022 nel WRC.

Logo Pirelli  (©Getty Images)

Chiara Rainis