Salvini rischia il processo per sequestro di persona aggravato: non sarà segreto il voto titola Il Tempo.

Salvini rischia il processo per sequestro di persona aggravato: non sarà segreto il voto
Lega political party leader Matteo Salvini takes part at a political meeting on December 12, 2019 in Reggio Calabria, Italy for the next local elections of 2021. (Photo by Gabriele Maricchiolo/NurPhoto via Getty Images)

Niente voto segreto per Matteo Salvini che rischia il processo per il reato di sequestro di persona aggravato per il caso della nave Gregoretti.

Il voto segreto era stato ipotizzato in virtù dell’articolo 113 del regolamento di Palazzo Madama che lo prevede  per le votazioni sulle persone.

Non sarebbe di certo la prima volta: ad esempio era avvenuto in passato per le autorizzazioni a procedere nei confronti dei senatori. Ma così non sarà e per Salvini c’è il rischio di processo.

Leggi anche—>Matteo Salvini: Rischio fino a 15 anni di carcere VIDEO

Salvini rischia il processo ma Maurizio Gasparri ha chiesto di respingere la richiesta di autorizzazione a procedere

Maurizio Gasparri, presidente della Giunta delle immunità del Senato, ha chiesto di respingere la richiesta di autorizzazione a procedere: “Si tratta in tutta evidenza di fattispecie del tutto similari ed eventuali enfatizzazioni di aspetti secondari non mutano la realtà delle cose. Pertanto, per le ragioni esposte e in linea di continuità rispetto alle decisioni già assunte da questo organo in questa legislatura, si ritiene doveroso prospettare l’opportunità che la Giunta coerentemente proponga all’assemblea il diniego della richiesta di autorizzazione a procedere di cui al documento in titolo“. È la conclusione della relazione del presidente.

E aggiunge: “A prescindere dalla configurabilità o meno di un concorso nel reato del presidente Conte (elemento sul quale la Giunta come detto non può, anzi non deve esprimersi) sicuramente è configurabile un coinvolgimento politico-governativo di quest’ultimo, comprovato innanzitutto dalla assenza di qualsivoglia presa di posizione contraria sulla conduzione del caso Gregoretti da parte del ministro Salvini e sulle scelte dallo stesso operate. Il caso era notorio ed era su tutti i mass media e su tutti i giornali di quei giorni. Non era necessaria una comunicazione specifica di Salvini perché gli elementi della vicenda erano ravvisabili in toto dalla stampa”, si legge in un altro passaggio della relazione del presidente.

Salvini rischia il processo per sequestro di persona aggravato: non sarà segreto il voto
SALERNO, ITALY – APRIL 19: More than 400 migrants rescued in the Sicily Channel from the Italian Coast Guard ship the Gregoretti, rest on board the ship on April 19, 2017 in Salerno, Italy. (Photo by Ivan Romano/Getty Images)