Esce dal carcere in permesso e sequestra la ex: l’orribile incubo di una ragazza

0
60

Un detenuto 30enne del carcere di La Spezia in permesso premio avrebbe segregato in casa e violentato per tre giorni la ex fidanzata.

Ragazza violentata
(foto dal web)

Una terribile storia arriva da La Spezia dove un detenuto, ottenuto un permesso premio di tre giorni, avrebbe segregato in casa e violentato la sua ex fidanzata, una ragazza di 25 anni. Secondo quanto riportato dalla stampa locale e dalla redazione de La Nazione, l’uomo, un trentenne di origini sudamericane, sarebbe uscito dal carcere di La Spezia ed avrebbe raggiunto la ex costringendola a portarlo in casa. Qui l’aguzzino avrebbe segregato per tre giorni la ex violentandola e costringendola anche a mandare dei messaggi alla madre per tranquillizzarla della sua assenza. L’uomo, terminato il permesso, è rientrato presso la casa circondariale e la ragazza ha raccontato quanto accaduto. Il 30enne è stato denunciato per sequestro di persona e violenza sessuale.

Leggi anche —> Uccide la cugina e il marito e poi decide di togliersi la vita

La Spezia, detenuto esce dal carcere in permesso premio e segrega e violenta l’ex fidanzata per tre giorni: denunciato

Alcuni giorni, poco dopo l’inizio del nuovo anno, una ragazza di 25 anni è stata vittima di una terribile vicenda. La giovane sarebbe stata segregata in casa e ripetutamente violentata dal suo ex fidanzato, un 30enne di origini sudamericane attualmente detenuto nel carcere di via Fontevivo. L’uomo, secondo quanto riportato dalla redazione de La Nazione, aveva ottenuto un permesso premio di tre giorni ed, una volta lasciata la casa circondariale spezzina, avrebbe raggiunto la ex costringendola a portarlo a casa minacciandola con un coltello. Una volta giunti nell’appartamento, l’uomo avrebbe segregato in casa la 25enne stuprandola ripetutamente e minacciandola di morte, anche dopo aver scoperto che quest’ultima era impegnata in una nuova relazione con un altro uomo. Inoltre, l’uomo avrebbe anche costretto la ragazza a mandare dei messaggi alla madre per tranquillizzarla data la sua assenza. Subito dopo essere stata rilasciata dal suo aguzzino, che è rientrato in carcere al termine del permesso premio, la giovane, coperta di lividi e sanguinante, ha incontrato un’amica alla quale ha raccontato tutto. La 25enne, come riporta La Nazione, è stata accompagnata in ospedale, dove è stata ricoverata in osservazione per alcuni giorni. Sul caso sta adesso indagando la squadra mobile della Polizia ed il 30enne, già in carcere, è stato denunciato per sequestro di persona e violenza sessuale.

Leggi anche —> Tragedia nel pomeriggio: giovane ragazzo muore davanti agli occhi dei compagni di scuola