Cadavere ritrovato in casa, donna denunciata: il racconto dell’orrore

0
71

Cadavere ritrovato in casa, la polizia scopre una storia agghiacciante: donna denunciata, era la madre del morto

Cadavere ritrovato in casa
Cadavere ritrovato in casa, il racconto dell’orrore (foto dal web) 

Il cadavere di un uomo di 50 anni è stato ritrovato morto nella sua abitazione a Treviso. I fatti risalgono al maggio dello scorso anno, ma soltanto adesso le indagini hanno permesso di fare chiarezza sulla vicenda. L’uomo era disabile e viveva con la madre anziana, che, da quanto emerso dalle ricostruzioni, dopo la sua morte aveva continuato a intascare la sua pensione di 900 euro mensili. La cosa era andata avanti per diversi mesi, tanto che i vicini dell’appartamento in via Castellana si erano insospettiti, lamentando un odore sempre più insopportabile. Tuttavia, mettersi in contatto con i due abitanti dell’appartamento era risultato impossibile. L’amministratore di condominio aveva dunque contattato un’altra figlia della donna, che vive a Milano. Alla fine, all’apertura dell’appartamento, un quadro desolante, con rifiuti ovunque, escrementi e il cadavere del 50enne ormai in stato di mummificazione. Le analisi della scientifica hanno rilevato che l’uomo era morto approssimativamente da 5-8 mesi. Inizialmente, si era ipotizzato che l’anziana avesse disagi psichici, ma è stata poi scoperta la truffa ai danni dello Stato, per la quale è stata denunciata dalla Squadra Mobile di Treviso, oltre che per occultamento di cadavere.