737 caduto in Iran, il giorno prima era molto vicino a noi

0
81

L’aereo ucraino Boeing 737 precipitato mercoledì mattina in Iran, vicino a Teheran, il giorno prima era a Malpensa per due collegamenti tra Milano e Kiev.L'aereo ucraino Boeing 737 precipitato il giorno prima era a Malpensa

Aereo caduto in Iran (foto Ansa)

Il Boeing 737 di Ukraine International Airlines, precipitato mercoledì mattina con 176 persone a bordo, era stato a Milano Malpensa per due collegamenti con Kiev. Questo è ciò che emergerebbe dalle piattaforme che tracciano i movimenti dei velivoli.

E molti sono i dubbi che solleva tale circostanza anche se le autorità iraniane avrebbero addotto l’ipotesi che l’aereo sia precipitato per un problema tecnico e sul sito l’Organizzazione per l’aviazione civile iraniana si legge: «L’aereo stava tornando indietro all’aeroporto nel momento dell’incidente» e a bordo «è stato visto un incendio».

Leggi anche —>In Francia trovato un bimbo morto nel carrello di atterraggio di un aereo

L’aereo Boeing 737 era a Malpensa martedì

Questo Boeing 737 che è poi  precipitato in Iran causando 176 mmorti, stava infatti operando il volo PS311 da Kiev a Milano Malpensa martedì 7 gennaio: decollato alle 10.46 di mattina, ora locale (e quindi le 9.46 in Italia) giungeva a Milano alle 12.09.

In Italia ci sono stati i soliti controlli routinari: analisi visiva e superficiale dell’esterno del velivolo che avrebbero condotto a un giudizio di assenza di alcun problema.

Cos’è l’engine failure

L’«engine failure» è il malfunzionamento al motore. Nel caso in cui avvenga i comandanti e i primi ufficiali di tutte le compagnie devono riuscire a riportare il velivolo a terra in sicurezza e, a tal riguardo, il personale ucraino avrebbero effettuato molte simulazioni con l’«engine failure» in arrivo o in partenza dall’aeroporto di Teheran.

Il timore, quindi, è che questo volo e le sue vittime siano direttamente connesse con i rapporti tra Iran e Stati Uniti.
Le scatole nere, hanno già annunciato le autorità iraniane, non saranno inviate a Washington sebbene l’aereo e i motori siano fabbricati in USA.
L'aereo ucraino Boeing 737 precipitato il giorno prima era a Malpensa
Rotta aereo ucraino caduto (foto Corriere.it)