Influenza e l'alimentazione per combatterla
Influenza (join base elmendorf)

In aumento i ricoveri ma l’influenza fatale di quest’anno ancora non ha visto raggiungere il suo picco che sarà tra due settimane

L’influenza sta mettendo in ginocchio gli italiani quest’anno. Non sono solo i virus  influenzali A/H3N2 e A/H1N1 ma anche le complicanze che portano conseguenze da ricovero. Ed è così che da Milano a Roma si sono registrati parecchi accessi. Al Niguarda di Milano sono arrivati a 350, soprattutto bambini e anziani. Nelle festività i contagi hanno toccato la sorprendente quota di 1 milione e seicentomila persone influenzate. Il picco stagionale, tuttavia, ancora non è arrivato. Sarà nell’ultima settimana di gennaio, quando si potrebbero toccare i 7 milioni di persone colpite dai virus: “Stiamo entrando nella fase di picco dell’influenza stagionale ha spiegato il segretario della Federazione italiana dei medici di medicina generale, Silvestro Scotti -. Tra Capodanno e l’Epifania abbiamo registrato un incremento dei casi. Dall’inizio di gennaio abbiamo avuto almeno un 20% in più di persone colpite e questo si è rilevato sull’intero territorio nazionale. Abbiamo visto soprattutto un aumento delle complicanze di tipo respiratorio e bronchiale – prosegue Scotti – con alcuni casi più gravi di polmonite“.

I rimedi all’influenza killer

Ai microfoni del free press Leggo ha parlato dei rimedi per difendersi da questa prepotente influenza fatale. Il dottor Fabrizio Pregliasco, Direttore Sanitario Iracs Galeazzi di Milano, afferma:

Perché già tanti casi di polmonite e di bronchite?
«Quest’anno ci sono diversi virus, cosiddetti cugini dell’influenza vera e propria, che stanno provocando complicanze anche gravi: polmoniti, bronchiti ma anche complicanze diarroiche. L’effetto dell’influenza diventa più pesante, quasi di massa».
Che cosa dobbiamo aspettarci ora? «Il picco influenzale arriverà a fine gennaio e gli sbalzi di temperatura aiutano anche i virus paralleli».
Come ci si difende?
«Consiglio l’automedicazione responsabile, a casa: con la febbre ad esempio, niente antibiotici. Dopo 3-4 giorni di febbre si va dal medico per farsi prescrivere farmaci in grado di evitare le complicanze»

Malattia cronica renale
 tuttomotoriweb

Leggi anche > Donna muore per influenza

Leggi anche > Influenza, non utilizzare antibiotici