Carla è stata uccisa con un barattolo di marmellata per 10 euro

0
103

Carla Bossi è stata uccisa con un barattolo di marmellata per 10 euro negate. Questa è la verità disarmante che è emersa su delitto di Podere Ronchetto.

Carla è stata uccisa con un barattolo di marmellata per 10 euro
Podere Ronchetto (foto Milanosud)

Il killer di Carla Bossi l’ha uccisa con un barattolo di marmellata per 10 euro negati. Tre anni fa arrivò diciottenne solo, senza famiglia e dopo aver passato anni in cui viveva per strada tra Milano e Roma alla cascina della della novantenne Carla Quattri Bossi.

Nella cascina di Podere Ronchetto aveva trovato un lavoro e una famiglia. Purtroppo, accade però che la lite per pochi spicci è diventata un delitto, un omicidio efferato e crudele.

Il killer sarebbe quindi lui Dobrev Damian Borisov, di 21 anni, bulgaro. E’ stato arrestato su ordine del Pm Gianluca Prisco.

Nella cascina di via Pescara al Gratosoglio Dobrev Damian Borisov si occupava degli animali e di piccoli lavori di ristrutturazione. Era lì grazie a un progetto di collaborazione tra comune di Milano e associazioni di volontariato per aiutare i ragazzi meno fortunati.

Leggi anche—>Omicidio Luca Sacchi, la clamorosa rivelazione

La lite si è scatenata per pochi soldi e Carla è stata uccisa con un barattolo di marmellata

Dobrev Damian Borisov lavorava quindi nella cascina in cambio di vitto, alloggio e una piccola somma di denaro.

Sabato sera Dobrev Damian Borisov avrebbe chiesto 10 o 15 euro a Carla Bossi.

La lite è nata proprio (e solo) perchè lei glieli avrebbe negati e, secondo i primi accertamenti della Scientifica, Dobrev avrebbe a quel punto impugnato un barattolo di marmellata e con quello sfondato il cranio della vittima.

Successivamente e inspiegabilmente le avrebbe legato i polsi con un pezzo di stoffa e le avrebbe coperto la testa con un asciugamano e l’avrebbe trascinata in più punti della casa.

L’allarme è scattato solo la mattina dopo grazie alla segretaria che ha trovato il cadavere dell’anziana e ha dato l’allarme.

La lavatrice in funzione in piena notte

Il primo dato a mettere gli inquirenti sulla pista del ragazzo è stato quello del rumore della lavatrice in funzione in piena notte: così due dei lavoratori hanno segnalato di aver sentito agli agenti.

Sempre a lui è riconducibile l’impronta insanguinata di una scarpa che era stata trovata sulla scena del delitto.

Carla è stata uccisa con un barattolo di marmellata per 10 euro
Omicidio podere ronchetto agriturismo (foto Leggo.it)