Tragedia di Lutago: chi è l’uomo alla guida dell’Audi TT

0
4610

L’autore della tragedia di Lutago, in Alto Adige, si chiama Stefan Lechner, 27 anni di Chienes in val Pusteria.

photo Facebook

L’autore della tragedia di Lutago, in Alto Adige, si chiama Stefan Lechner, 27 anni di Chienes in val Pusteria. E’ lui l’automobilista che ha ucciso 6 persone la scorsa notte. In via precauzionale è stato ricoverato nel reparto di psichiatria. Le condizioni psicologiche del giovane, che è in stato di arresto e rischia 18 anni di reclusione, hanno fatto decidere ai medici il ricovero in psichiatria nell’ospedale di Brunico dove è piantonato dai Carabinieri.

Stefan Lechner, operaio, al momento dell’incidente aveva un tasso alcolemico pari a 1,95grammi di alcol/litro, quattro volte oltre il limite consentito. Al momento dell’incidente Stefano stava guidando la sua Audi TT per raggiungere la ex fidanzata e tentare una riappacificazione: la rottura era avvenuta solo pochi giorni fa, a Capodanno. Lechner è stato fermato 150 metri più avanti rispetto al luogo dell’incidente e accompagnato in ospedale per effettuare esami di sangue e urine per accertare la presenza eventuale di tracce di stupefacenti.

Colleghi di lavoro increduli

In una nota la procura fa sapere che Lechner «è stato arrestato per la violazione dell’art. 589-bis codice penale aggravato dalla guida in stato di ebbrezza e dalla pluralità delle vittime con una pena edittale massima prevista pari ad anni 18 di reclusione». Come riporta ‘Il Corriere della Sera’ Stefan Lechner ha trascorso una vita relativamente serena, anche se con qualche eccesso, che gli era costato alcuni non significativi precedenti di polizia. Lavorava presso la ditta Weger di Casteldarne che si occupa di trattamento e condizionamento d’aria e dove, dopo un breve tirocinio, la scorsa estate era stato promosso impiegato tecnico e destinato agli uffici di progettazione.

Increduli gli amici, i conoscenti e anche i colleghi di lavoro, di fronte a quanto successo. Stefan Lechner verrà trasferito presso la Casa circondariale di Bolzano, non appena sarà possibile.

photo Facebook