La Ferrari 2020 sarà “cucita” su misura per Sebastian Vettel: il progetto

0
8316

La Ferrari 2020 avrà una nuova sospensione idraulica pensata per rendere la vettura più stabile in frenata. Proprio come chiedeva Sebastian Vettel

Sebastian Vettel sale a bordo della Ferrari (Foto Ferrari)
Sebastian Vettel sale a bordo della Ferrari (Foto Ferrari)

Nel rendimento deludente che ha messo in campo nel corso della stagione appena conclusa, di certo Sebastian Vettel ci ha messo molto del suo. Colpa, soprattutto, della fragilità psicologica sotto pressione, che lo ha indotto a commettere molti errori nei momenti cruciali delle gare, in particolare quando si è trovato impegnato in duelli ruota a ruota. Ma addossare tutta la responsabilità soltanto al quattro volte iridato sarebbe comunque ingiusto.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Dietro al Mondiale 2019 da dimenticare del pilota tedesco c’erano infatti anche ragioni tecniche ben precise, da ricondurre alle caratteristiche della Ferrari SF90: una macchina che non ha mai soddisfatto le aspettative di Seb e che non riusciva ad adattarsi al suo stile di guida. Il principale difetto congenito con il quale Vettel si è ritrovato a lottare per tutto il corso del campionato, infatti, è stata l’eccessiva instabilità in frenata: un problema grave per chi, come lui, riesce a dare il massimo solo quando può contare su un’elevata aderenza al retrotreno.

Ferrari 2020, una nuova sospensione fatta apposta per Vettel

È anche per questo motivo che, quando gli ingegneri di Maranello si sono rimessi al tavolo da disegno per impostare il progetto della Ferrari 2020, hanno deciso di invertire la rotta. La nuova macchina cederà qualcosa sul fronte della resistenza all’avanzamento in rettilineo, in cambio però di un maggior carico aerodinamico, per migliorare la guidabilità specialmente nelle curve medio-lente. E non solo: anche l’architettura della sospensione anteriore sarà rivoluzionata, passando da un controllo meccanico a totalmente idraulico. Una novità che dovrebbe consentire alla Rossa di migliorare la propria gestione delle gomme, soprattutto sulla lunga distanza, a beneficio di entrambi i piloti. Ma che, è inutile negarlo, farà particolarmente piacere a Vettel, proprio perché dovrebbe produrre un comportamento della vettura più adatto alle sue peculiarità di pilota.

Leggi anche —> Ferrari 2020, tutte le novità tecniche: aerodinamica, motore e sospensioni

Nonostante, insomma, il futuro a lungo termine sia affidato soprattutto al suo compagno di squadra Charles Leclerc, che ha appena firmato un rinnovo del contratto per i prossimi cinque anni, la Ferrari non sembra intenzionata ad abbandonare il suo portacolori più esperto. Anzi, sviluppando una monoposto che risponde alle sue richieste e alle sue esigenze, il Cavallino rampante è convinto di poterlo recuperare e riportare al vertice dal punto di vista dei risultati.

Per Helmut Marko è la chiave del rilancio

Una strategia che potrebbe portare i suoi frutti, almeno stando a quanto sostiene un addetto ai lavori che Sebastian lo conosce bene, come Helmut Marko, plenipotenziario della Red Bull con cui il teutonico vinse i suoi quattro titoli mondiali. Il boss dei Bibitari è sicuro che, con una Ferrari cucita su misura per lui, il pilota di Heppenheim sarà in grado di tornare sui livelli a lui abituali. “Se la nuova Ferrari, in termini di comportamento di guida, andrà di più nella sua direzione, troverà le sue normali prestazioni e tornerà competitivo”, ha previsto Marko ai microfoni di Auto Bild. E sicuramente questo è ciò che si augurano i piani alti della Scuderia, insieme a tutti i tifosi ferraristi.

Sebastian Vettel nel box della Ferrari (Foto Ferrari)
Sebastian Vettel nel box della Ferrari (Foto Ferrari)